progetto comunità Toscana

Feste, conferenze, incontri ed escursioni
Rispondi
Avatar utente
BlackHole_WhiteHole
Messaggi: 98
Iscritto il: mer mar 24, 2021 7:05 pm

progetto comunità Toscana

Messaggio da BlackHole_WhiteHole » gio mar 25, 2021 1:12 pm

Miei cari bischeri!

Sto iniziando un percorso, che sono consapevole sarà accidentato, per creare una comunità di psiconauti in Toscana. L'idea di lungo termine (covid-19 permettendo) è di creare uno spazio dove incontrarsi (una volta al mese, indicativamente, in base alla distanza tra gli interessati) dove diffondere pratiche sicure, dare info di base ai neofiti, discutere articoli scientifici e connessione tra sostanze psichedeliche e altre pratiche non-duali, creare gruppi di supporto dove persone possano condividere le loro esperienze e iniziare il processo di integrazione, organizzare workshops, ecc..
A scanzo di equivoci (non sapete quante volte mi è stata rivolta questa domanda quando partecipavo a gruppi simili all'estero!), negli incontri non si assume nessuna sostanza! L'intenzione è di creare una comunità in presenza che, per mia esperienza personale e senza nulla togliere a forum come questo, è fondamentale per molti psiconauti (alle prime esperienze e non) e di normalizzare/togliere lo stigma dall'uso di ogni tipo di sostanza, in particolare quelle psichedeliche.
Per tu che leggi questo messaggio a Marzo 2021 o nel distante futuro, sentiti libero di commentare qua o di contattarmi in privato per idee su modalità o contenuti (anche se non in Toscana, ritengo utile condividere idee sulle "best practices" di questi incontri) o per trasformare questa idea in realtà 8-)
The sun is always shinin' regardless of the weather - GRiZ -


Avatar utente
Laura Tajj [23]
Messaggi: 191
Iscritto il: mar gen 14, 2020 11:22 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Laura Tajj [23] » mer mar 31, 2021 10:02 pm

un'idea per cominciare una cosa del genere in una regione (io non vivo in Toscana ma è lo stesso) potrebbe essere organizzare un piccolo festival, così da aggregare "like minded individuals" e cominciare a creare un immaginario e un sentire comune

ajeje
Messaggi: 455
Iscritto il: lun ott 07, 2019 12:12 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da ajeje » mer mar 31, 2021 11:06 pm

non vivo in toscana, ma l'idea di incontrarci dal vivo non mi dispiacerebbe, dato che messaggio con varia gente su questo sito, ma alla fine sono tutti estranei e se si facesse qualcosa, quando potrei ci sarei volentieri
why so serious?

Wolly92
Messaggi: 30
Iscritto il: mer mar 17, 2021 2:23 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Wolly92 » gio apr 01, 2021 1:04 pm

Il progetto è molto interessante, penso che sia molto di cui parlare e condividere.Sicuramente non è nemmeno un gioco da ragazzi mettere in piedi un progetto del genere, io sicuramente non sono la persona più indicata ma sono curioso.

Le esperienze all'estero immagino prevedessero l'assunzione e fossero assistite da un Team di esperti, o ti riferisci ad altro tipo di esperienze? Sicuramente una cosa del genere in Italia non si può fare (come hai giustamente sottolineato dicendo che non si assume nulla), la parola comunità non penso quindi sia la parola più corretta se ho capito bene quello che hai in mente, lo vedrei più come seminari se appunto l'obbiettivo è la condivisione di informazione .

Bisognerà comunque prevedere un Team di "esperti" che discuteranno i vari argomenti che si vogliono trattare. Per esempio, se discutiamo di un articolo scientifico mi aspetterei che la parola sia lasciata a chi ne è davvero competente cosi come per l'ambito psicologico, etico, biologico ... ecc. Oltre al Team sarà necessario una persona o più che gestisca il quadro generale quindi definisca e organizzi nel dettaglio le giornate del seminario oltre che prenotazione della location ( ci vorrà una struttura al chiuso perché se piove cosa fai e si avrà bisogno di un proiettore probabilmente e impianto audio in generale ). La domanda più grande è però come si pagano tutte le spese necessarie ?

A meno che avevi in mente qualcosa meno serio e quindi ci si raduna un giorno un pò a caso e chi vuole espone idee o argomentazioni ma le cose improvvisate hanno un alto rischio di fallimento a mio avviso.

Questo erano i miei pensieri buttati cosi senza troppo ragionare. Pourparler . Alle cose che ho scritto hai pensato e hai già un pò di proposte/idee o è tutto da definire?

Avatar utente
BlackHole_WhiteHole
Messaggi: 98
Iscritto il: mer mar 24, 2021 7:05 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da BlackHole_WhiteHole » gio apr 01, 2021 10:46 pm

@Laura Tajj [23] cosa intendi per piccolo festival? Con musica? Perché organizzare un evento con musica, campeggio, ecc. sembra molto più difficile. Non era quello che avevo in mente io. Non sono contrario, anzi, ma non è nelle mie capacità.

@Wolly92 no, le esperienze all'estero non prevedevano assunzione di alcuna sostanza. E deve essere così per non attrarre attenzioni indesiderate, anche se persone che si sono conosciute in quegli incontri hanno poi condiviso esperienze psichedeliche al di fuori delle sessioni.
Erano due gruppi di incontri organizzati da persone che portavano avanti i principi di riduzione del danno. Il fatto che gli organizzatori fossero tutti psicologi che studiavano come utilizzare sostanze psichedeliche in terapie per malattie come PTSD e depressione portava ad avere molti incontri su questo tema (anche perché c'era un grande interesse da parte dei partecipanti). Logicamente, avere persone che sono esperte in qualche campo potrebbe portare gli incontri verso questioni più specifiche, ma fondamentalmente era un'occasione di incontro con persone interessate a utilizzare sostanze psichedeliche in maniera informata e a far crescere una comunità psichedelica (forse comunità non è il termine migliore). Avere persone che hanno esperienza è già sufficiente, a mio avviso. C'era un uomo che ha fatto parte della prima rivoluzione psichedelica e i suoi interventi avevano una profondità incredibile, anche se non poteva parlare di aspetti scientifici.
Ho pensato un po' come questo gruppo di incontri potrebbe organizzarsi. Non voglio inventare nulla, ma riproporre l'approccio del gruppo di cui facevo parte. Incontrarsi periodicamente per parlare di un tema specifico (breve presentazione da parte di uno degli organizzatori e poi apertura al gruppo) e poi lasciare un po' di tempo per discutere di esperienze recenti in piccoli gruppi (organizzavano anche un ciclo apposito per persone che avevano avuto esperienze difficili; io ho partecipato e sarebbe estremamente benefico per integrazione, ma più difficle da organizzare senza avere un nocciolo duro alla base). Il tipo di contenuto dipende un po' dalle capacità del nocciolo duro/organizzatori (io non sono un terapeuta e, per quanto sia abbastanza informato, non posso parlare da esperto in quel campo) ma anche dagli interessi delle persone. C'erano coloro che avevano molta esperienza e suggerivano certe tematiche che un novizio non penserebbe, ma allo stesso tempo si ribadiva l'ABC quando nuove persone entravano nel gruppo. Ritengo questo aspetto molto importante, considerando che l'idea è di assistere persone che ancora non hanno avuto esperienza ma manifestano un interesse; e col passare del tempo e la crescita del gruppo, veramente tante persone si sono avvicinate senza avere nessuna esperienza ma con l'umiltà di capire, cosa che mi rincuora molto.
Per dove incontrarsi, logicamente al chiuso. Sul come e dove dipende dal numero. Siccome eravamo sempre 20-30 persone presenti, erano riusciti ad avere uno spazio fisso (non si pagava per partecipare, solo donazioni volontarie). Immagino che il gruppo sarà ristretto all'inizio, il che dovrebbe facilitare trovare un luogo che non richieda affitto (devo ancora pensare alle modalità, a essere onesto).
So che ci sono difficoltà e sono consapevole che un progetto come questo, se mai si realizzerà, richiederà tempo. Ritengo che mettere assieme persone che hanno o vogliano avere un'esperienza psichedelica sia necessario per far partire un processo di accettazione da parte della società. Da qualche parte bisogna pur partire e questo abbozzo è il mio piccolo contributo. E apprezzo veramente i tuoi suggerimenti, così come quelli degli altri psiconauti :)
The sun is always shinin' regardless of the weather - GRiZ -

Wolly92
Messaggi: 30
Iscritto il: mer mar 17, 2021 2:23 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Wolly92 » dom apr 04, 2021 8:20 pm

Penso ne possa nascere qualcosa di buono, resto sicuramente interessato alla cosa.

Avatar utente
Spanda
Messaggi: 10
Iscritto il: ven nov 02, 2018 5:47 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Spanda » gio ago 05, 2021 8:32 pm

Ciao @BlackHole_WhiteHole !
È da un po’ che mi ronzano in testa idee simili.Uniamo le forze!
anche io, sulla scia di esperienze all’estero (anche se brevi causa covid) mi sono reso conto della necessità di una comunità reale, non virtuale, per dare compimento all’esperienza psichedelica o alla ricerca non-duale.
Che aggiungere? Direi di incontrarci al più presto (oramai a settembre) per discuterne un po’! Mi sembra che di toscani interessati, anche sul forum, ce ne siano

Avatar utente
Spanda
Messaggi: 10
Iscritto il: ven nov 02, 2018 5:47 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Spanda » sab ago 07, 2021 9:15 pm

@benetango , @LNZ0195 , @Psilowilly battete un colpo se la cosa puó interessarvi!

Avatar utente
antropologo
Messaggi: 96
Iscritto il: gio dic 03, 2020 5:53 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da antropologo » sab ago 07, 2021 11:37 pm

Ciao a tutti, l'idea della comunità è super interessante. Per quella del festival è molto più complicato, ma anche molto diverso dal raggiungimento di un ideale comunitario. Ovviamente in una comunità la pura e semplice sperimentazione psichedelica non può costituire il fulcro di tutto. Ci hanno già provato in passato e senza successo.
Comunque si parte dal basso, con un obbiettivo si, ma se si vuole creare una comunità reale ancor prima che virtuale ci si deve incontrare e si deve parlare

Avatar utente
Spanda
Messaggi: 10
Iscritto il: ven nov 02, 2018 5:47 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Spanda » mar ago 24, 2021 6:41 pm

Ciao antropologo

Qui, almeno a mio avviso, non stiamo parlando né di una vera e propria comunità, né tanto meno di organizzare un festival (anche se ehi, perché no, un bel festival in toscana ci starebbe pure :)
Forse l’uso della parola “comunità” può essere fuorviante. Si tratta semplicemente di creare un gruppo di persone che saltuariamente si riuniscono per condividere un interesse comune. Stessa cosa che facciamo su questo sito, ma in real life. Proprio come dici te, incontrarci e parlare! Se sei di queste zone, a settembre proviamo a incontrarci :)

benetango
Messaggi: 10
Iscritto il: ven gen 22, 2021 5:51 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da benetango » gio ago 26, 2021 1:14 pm

Spanda ha scritto:
sab ago 07, 2021 9:15 pm
@benetango , @LNZ0195 , @Psilowilly battete un colpo se la cosa puó interessarvi!
Mi scuso per la latitanza ma non mi connettevo da un bel po' a quanto pare.... Io sì sono interessato, molto!

Contami! Io sono di Firenze.

Avatar utente
Laura Tajj [23]
Messaggi: 191
Iscritto il: mar gen 14, 2020 11:22 pm

Re: progetto comunità Toscana

Messaggio da Laura Tajj [23] » gio set 16, 2021 3:26 am

BlackHole_WhiteHole ha scritto:
gio apr 01, 2021 10:46 pm
@Laura Tajj [23] cosa intendi per piccolo festival? Con musica? Perché organizzare un evento con musica, campeggio, ecc. sembra molto più difficile. Non era quello che avevo in mente io. Non sono contrario, anzi, ma non è nelle mie capacità.
be' nn è che mo mi trasferisco in una comune di sconosciuti :D :D :D però se invece viene organizzato un piccolo evento psichedelico, in cui intanto ci si ritrova, magari cominciamo a costruire qualcosa insieme

Rispondi