Riduzione degli effetti delle sostanze

Ciò che riguarda la psichedelia ma non trova posto nelle altre sezioni.
Rispondi
Anaxus
Messaggi: 125
Iscritto il: ven dic 28, 2018 1:25 pm

Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da Anaxus » lun set 20, 2021 1:05 pm

Buongiorno, ho creato un nuovo argomento perché non ne ho trovato alcuno simile in cui informarmi.
Nell'ultimo anno ho notato una progressiva riduzione degli effetti di tutte le sostanze che assumo, tra cui alcolici, cannabis e cubensis. Inoltre ho passato anche un periodo in cui assumere qualsiasi cosa mi provocava molto facilmente una sensazione di nausea e vomito.
Ora ogni volta che prendo qualcosa rimango sempre molto lucido e faccio fatica a sentire gli effetti più intensi. Se fossi un assiduo consumatore potrei dire che il mio corpo ha sviluppato una sorta di tolleranza, tuttavia la cadenza di ogni assunzione va oltre le due settimane.
Per caso qualcuno ha avuto il mio stesso problema e sa quali possono essere i motivi o le cause? Non escludo il fattore psicologico perché magari temo di lasciarmi andare troppo, tuttavia mi piacerebbe avere un vostro riscontro/parere.
:D


Avatar utente
Tirar Puede Matar
Messaggi: 840
Iscritto il: mer mar 28, 2018 3:22 pm

Re: Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da Tirar Puede Matar » mer set 22, 2021 3:35 pm

Due settimane non è un tempo sufficiente per azzerare la tolleranza. Sarebbe meglio almeno 1 mese.
Poi certe tolleranze non vanno proprio più a zero come la prima volta. Anzi sono poche quello che lo fanno.
Non amavo quello che mostravi di essere, ma quello che pensavo tu fossi...

Anaxus
Messaggi: 125
Iscritto il: ven dic 28, 2018 1:25 pm

Re: Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da Anaxus » gio set 30, 2021 10:34 am

Certo, capisco. Infatti la prima volta è sempre la più speciale. Ma ci sono altri modi per ridurre la tolleranza a zero. Esperienze come le prime, indimenticabili, capitano poco spesso.
:D

Avatar utente
Tirar Puede Matar
Messaggi: 840
Iscritto il: mer mar 28, 2018 3:22 pm

Re: Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da Tirar Puede Matar » gio set 30, 2021 2:41 pm

L'unico modo per ridurre la tolleranza è non assumere nulla, più tempo passa, meglio è.
Non amavo quello che mostravi di essere, ma quello che pensavo tu fossi...

Avatar utente
DM Tripson
Sponsor
Messaggi: 517
Iscritto il: ven ott 11, 2019 11:19 am

Re: Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da DM Tripson » gio set 30, 2021 6:34 pm

@Anaxus la tolleranza dei funghi si azzera in tempi variabili a seconda della tua fisiologia, nella maggior parte dei casi è sufficiente una settimana, per alcuni bastano due settimane, oltre a questo periodo di tempo sinceramente non mi risulta che ci siano riduzioni degli effetti a causa della tolleranza. Io penso che sia una questione psicologica, cioè emozioni e pensieri. Che questi abbiano effetto sulla percezione di intensità è fuori dubbio, sia aumentare che diminuire la forza degli effetti, non so ovviamente cosa si applichi al tuo caso.
Esempio giusto per dare l'idea, non mi riferisco a te, in un libro Grof parlava di un paziente psichiatrico che resisteva a dosi di 500 mcg di LSD! Io stesso ho sperimentato lucidità e capacità di gestire situazioni con 5 gr secchi di funghi, nel gruppo alcuni erano alla prima volta, uno era in difficoltà con 2 grammi (stesso fungo, anche tutti gli altri lo sentivano molto) e quindi lo tenevo d'occhio. Quando poi ho visto che andava tutto bene è salito come un treno!

Giusto per capirci, di che quantità di cubensis stai parlando?
DM Tripson è uno scrittore italiano che ama i Funghi Magici.
Come usarli? Leggi qui: https://amzn.to/3kshUvI
Come preparare e integrare un viaggio psichedelico? Leggi qui: https://amzn.to/3EHkbvo
Blog: https://shroomcircle.com

Avatar utente
Tirar Puede Matar
Messaggi: 840
Iscritto il: mer mar 28, 2018 3:22 pm

Re: Riduzione degli effetti delle sostanze

Messaggio da Tirar Puede Matar » ven ott 01, 2021 8:41 am

DM Tripson ha scritto:
gio set 30, 2021 6:34 pm
@Anaxus la tolleranza dei funghi si azzera in tempi variabili a seconda della tua fisiologia, nella maggior parte dei casi è sufficiente una settimana, per alcuni bastano due settimane, oltre a questo periodo di tempo sinceramente non mi risulta che ci siano riduzioni degli effetti a causa della tolleranza. Io penso che sia una questione psicologica, cioè emozioni e pensieri. Che questi abbiano effetto sulla percezione di intensità è fuori dubbio, sia aumentare che diminuire la forza degli effetti, non so ovviamente cosa si applichi al tuo caso.
Esempio giusto per dare l'idea, non mi riferisco a te, in un libro Grof parlava di un paziente psichiatrico che resisteva a dosi di 500 mcg di LSD! Io stesso ho sperimentato lucidità e capacità di gestire situazioni con 5 gr secchi di funghi, nel gruppo alcuni erano alla prima volta, uno era in difficoltà con 2 grammi (stesso fungo, anche tutti gli altri lo sentivano molto) e quindi lo tenevo d'occhio. Quando poi ho visto che andava tutto bene è salito come un treno!

Giusto per capirci, di che quantità di cubensis stai parlando?
Ciao @DM Tripson !
Hai perfettamente ragione, al di là della tolleranza, la "resistenza" mentale è incredibile. Però capita solo in situazioni di "pericolo" diciamo.
A me successe da pischello, sui 25 anni, io al contrario tuo ho sempre avuto la passione per gli oppiacei ahimè, magari avessi preferito i funghi!, ad ogni modo pippammo una dose eroica, perdonami il furto di termine :asd: , di eroina, che ai tempi non era la merda di adesso, e quasi subito un mio amico si sentì male. Io iniziai a fare le solite cose, cercare di tenerlo sveglio, schiaffeggiarlo, parlargli, ecc.. fino a che dopo una mezzoretta si riprese. Ed io che fino a quel punto sembrava mi fossi fatto di coca più che di roba, per quanto ero attivo, appena la situazione si rimise e potei dunque rilassarmi, mi sali tutto di colpo e mi feci un gran bel viaggio! :lol: .
La spiegazione fisiologica la possiamo trovare nell'attivazione del SNC Parasimpatico, con grande produzione di ormoni quali l'adrenalina ed altre catecolamine, che sovrastano qualunque sostanza deprimente (o psichedelica, da tuo racconto), ma l'emivita dell'adrenalina è brevissima, infatti non appena smette di esser prodotto sparisce quasi subito dal sangue,lasciando spazio alla sostanza "drogante", che trovandosi tra l'altro già in circolo, sale come se fosse stata iniettata!
Non amavo quello che mostravi di essere, ma quello che pensavo tu fossi...

Rispondi