Pagina 1 di 1

Tsaank (Infuso Sniffabile di Tabacco)

Inviato: dom ott 04, 2015 11:28 pm
da Aryaman
LINK ALLA PAGINA SULLA WIKI <- Ci sono anche le foto

Lo Tsaank è il nome tradizionale con cui la popolazione Shuar, popolo amazzonico, indica sia la pianta Nicotiana rustica che l'infuso sniffabile fatto con essa, il clistere, e più raramente le foglie masticabili e fumabili.

La Nicotiana rustica è una delle tre piante di potere più importanti tra gli Shuar, vicino alla Natem (nota in zona anche come Ayahuasca) e alla Maikua1)

Essendo i danni prodotti dal tabacco in buona parte dovuti ad additivi, ai prodotti della combustione e del fumo, assumere tabacco tramite infuso sniffabile può ridurre drasticamente il danno.

Occorrente:
  • Tabacco, preferibilmente Nicotiana rustica, in mancanza anche della più comune Nicotiana tabacum può andar bene.
  • Mezzo limone
  • Acqua potabile
  • Filtro da caffè o colino
  • Due bicchieri

Come fare:
  • Sbriciolate il tabacco nel bicchiere, così da aumentare la superficie di contatto
  • Aggiungete limone, in modo da aumentare l'acidità dell'acqua e favorire il passaggio di principi attivi
  • Aggiungete acqua e lasciate riposare per tre orette, mischiando di tanto in tanto
  • Passate le tre ore filtrate in un altro contenitore. Il liquido marrone che vi troverete è l'estratto che andrà sniffato.
Consigli per l'uso:

Gli effetti non salgono subito ma possono ritardare un poco, consiglio di assumerne piano le prime volte, soprattutto se non si è fumatori, per evitare spiacevoli effetti collaterali da tabacco (sudore, ansia, nausea, ecc.)

Mettete sotto il naso un contenitore per non far gocciolare a terra il tutto, e tenete a portata di mano dei fazzolettini.

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 9:28 am
da nocivo
scusa ari ma che effetti dovrebbe dare??

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 9:35 am
da kataz
non è piu facile lasciare seccare l'estratto per avere una polvere da inalare piu comodamente, tipo rapè?

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 12:59 pm
da Aryaman
nocivo ha scritto:scusa ari ma che effetti dovrebbe dare??
Gli effetti del tabacco ovviamente, per quanto modulati dal cambio di via di somministrazione (salita più lenta, più duraturo, più calmo, senza botta iniziale, più rilassante)
O mi stai chiedendo la differenza tra nicotiana rustica e tabacum in termini di effetti?
kataz ha scritto:non è piu facile lasciare seccare l'estratto per avere una polvere da inalare piu comodamente, tipo rapè?
Più facile non direi, c'è un passaggio in più che può essere anche piuttosto lungo in termini di attesa!
Ad ogni modo non vedo perché no. Oggi metto l'infuso a seccare e lo provo, se funziona lo aggiungo alla pagina. E non può che funzionare, diciamocelo.

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 1:10 pm
da nocivo
arimane ha scritto:
nocivo ha scritto:scusa ari ma che effetti dovrebbe dare??
Gli effetti del tabacco ovviamente, per quanto modulati dal cambio di via di somministrazione (salita più lenta, più duraturo, più calmo, senza botta iniziale, più rilassante)
O mi stai chiedendo la differenza tra nicotiana rustica e tabacum in termini di effetti?
perchè mi ricordo di aver letto che le tribù del sud america usavano farsi clisteri di tabacco che inducevano visioni... quindi mi chiedevo se assunta per via nasale avrebbe lo stesso effetto...

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 7:56 pm
da Aryaman
Se gli effetti del tabacco non vi piacciono la cosa è comprensibile, non tutti hanno gli stessi gusti.
Terrei il topic riguardo la tecnica di estrazione.
ti sniffi l'infuso (i vapori)??
L'infuso, non i vapori, quella è una cosa più tipica degli Indiani Americani che io conosco poco devo dire.
nocivo ha scritto: perchè mi ricordo di aver letto che le tribù del sud america usavano farsi clisteri di tabacco che inducevano visioni.
Sì, è utilizzato tra varie popolazioni del sud america così, anche tra gli Shuar.
Che io sappia però la forma inalabile è più comune e presente nei rituali di ayahuasca, brugmansia ed altro.

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: lun ott 05, 2015 9:05 pm
da FeedMe
Scusa ma ancora non capisco come si può sniffare un infuso... Praticamente respiri una soluzione acquosa acidificata e ti va a finire nei polmoni... Ma non ti affoghi?

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mar ott 06, 2015 1:12 am
da M⊙nad
La shingada (singada, shinguiada), chiamata anche levantada o alzada, consiste nell’inalazione di un liquido e deve essere effettuata ogni volta da entrambe le narici, prima quella di sinistra e poi quella di destra. Il termine shingada proviene dal quechua senga, “narice” e sengay, “inalare attraverso la narice”. E’ un’operazione magica che viene effettuata numerose volte durante la sessione della mesada, e anche in altri contesti, come durante i bagni rituali alle lagune di Las Huaringas o nei riti di purificazione. E’ considerata un’operazione di fortificazione dello spirito e di difesa dalle entità malevoli e, nei contesti di chiusura della mesada, ha funzioni propiziatorie di fortuna e salute. L’elemento basilare del liquido della shingada è il tabacco. Le sue foglie vengono poste a macerare nell’alcol di canna per alcune ore e al macerato così ottenuto si possono aggiungere altri ingredienti, quali profumi, il decotto di San Pedro, le misha (Brugmansia). E’ fondamentale inalare il liquido mediante le conchiglie, altrimenti l’operazione è considerata nulla. Un tempo i curandero dicevano “vamos a conchear” (“andiamo a conchigliare”) quando si apprestavano ad effettuare l’operazione della shingada, ponendo quindi in evidenza l’importanza del mezzo della conchiglia (concha) (Polia Meconi, 1988: 99). L’operazione della shingada è difficile, debilitante, e produce frequentemente nausea e vomito fra i presenti, ma quasi mai al curandero e ai suoi assistenti, che evidentemente vi si sono abituati. Il vomito è considerato positivo dai curandero, poiché ritengono che in tal modo vengano espulsi i “mali” dell’individuo. Come riportato da Menacho (1988: 20), è un atto che richiede “coraggio e volontà e contiene, allo stesso tempo, forza e debilitazione. E’ la fermezza e la decisione dell’atto a convertirlo da esperienza terribile e scoraggiante in un trionfo fisico e psichico”. Polia Meconi (1996, II: 559-60) offre la seguente descrizione della shingada:

“I pazienti, uno alla volta, stanno in piedi fra quattro alzadores (assistenti del curandero) disposti uno alle sue spalle, uno di fronte, uno a sinistra e uno a destra, formando idealmente una croce. Ciascuno tiene in mano una conchiglia che il curandero riempie di tabacco moro macerato in alcol con alcune gocce di acqua di colonia. Il maestro [curandero] si dispone vicino al gruppo degli alzadores con la sua chungana [sonaglio], mentre uno dei suoi aiutanti resta vicino alla mesa per custodirla. Ciascun alzador appoggia la sua conchiglia in una parte del corpo del paziente nel seguente modo: quello di sinistra nell’orecchio sinistro, quello di destra nell’orecchio destro, quello che sta alle sue spalle nella nuca, e quello che sta di fronte nel petto e sulla fronte. Il maestro recita le formule a voce alta accompagnandosi con il suo sonaglio. Ciascuno dei quattro alzadores inizia ad assorbire il tabacco iniziando dalla narice destra e mantenendo la conchiglia a contatto con il corpo del paziente. Dopodiché “singano” con la narice sinistra. Le “coppie” [di shingadas] si ripetono per tre volte, poi il maestro pone sulla testa del paziente una conchiglia marina. Il paziente piega la testa e lascia cadere la conchiglia sul davanti. Se questa cade con la bocca verso l’alto, significa che le shingada sono state sufficienti e il paziente resta “de-contagiato”; se cade con la bocca verso il basso, significa che si deve ripetere un altro ciclo di “coppie” [di shingada] sino a quando la conchiglia cade in posizione fausta. Non può essere partecipe un alzador che abbia una relazione di parentela con il paziente.”

Non sono stati finora eseguiti specifici studi farmacologici sugli effetti psico-fisici della shingada, ma è assai probabile – come del resto riportato da diversi curandero – che l’inalazione di tabacco rinforzi gli effetti psicoattivi del San Pedro, così come è probabile che anche l’inalazione di alcol, che rende difficile sino a dolorosa la pratica della shingada, agisca in maniera sinergica con gli effetti congiunti del San Pedro e del tabacco.
http://samorini.it/site/antropologia/am ... ro/mesada/

Invece di seccarlo, consiglio di preparare una semplice polvere da fiuto o rape' (mapacho + cenere vegetale).

Un giorno mi piacerebbe preparare anche l'ambil.

Comunque occhio con le dosi (soprattutto per via orale), la nicotina ha la stessa tossicita' della stricnina.
http://www.stuff.co.nz/national/7186494 ... acco-purge

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mar ott 06, 2015 1:09 pm
da kataz
sta morendo anche parecchia gente nelle cerimonie con tabacco..
io metterei qualche avvertenza nella wiki a riguardo..

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mar ott 06, 2015 1:14 pm
da Aryaman
Ho letto, per gli enteroclismi soprattutto.
L'ho scritto nei consigli per l'uso e poi c'è il disclaimer

Grazie monad per il prezioso estratto, davvero interessante!
Vedremo di inserirlo nella pagina sul tabacco, quando si farà

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mar ott 06, 2015 11:54 pm
da M⊙nad
;)

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mer ott 07, 2015 7:12 pm
da Aryaman
Grazie kataz della dritta. Sono stato costretto a cambiare il titolo del topic =D

Ho lasciato evaporare parte dell'infuso a freddo e mi sono ritrovato una patina piuttosto spessa (300 mg) di consistenza appiccicosa, tipo resina. Il colore però era chiaro, mi fa pensare che almeno una buona parte degli olii sia riusciti a toglierli facendo l'estratto in acqua.
Impossibile da sniffare così come è, si presta però bene ad utilizzo sublinguale, rettale, eccetera. Io sono andato per la gengiva, come ho visto fare in Malesia. Ho preso 75 mg.
Il dosaggio è sicuramente basso, considerando che era poco infuso e ne ho preso proprio un pezzetto, però meglio andarci piano.
+ 00:04 la gengiva ha iniziato a pizzicare, nulla di doloroso. Poi nulla per un po', a parte salivazione ovviamente aumentata.
Ho risciacquato la bocca pensando non avesse fatto nulla, invece a +00:17 ho iniziato a sentire calma, rilassatezza, un effetto lieve essendo lieve il dosaggio ma definitivamente presente e, considerando i soliti effetti del tabacco più "duri", decisamente piacevole e morbido.

Con una piccola aggiunta a questa "resina" di bicarbonato di sodio per far meglio uscire gli alcaloidi credo possa produrre risultati molto interessanti.
Caricherò la foto e aggiungerò alla tek questo ultimo passo.

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: ven nov 27, 2015 8:11 am
da SaulSilver
Senza farlo essicare è possibile usare la tintura (se così è possibile chiamarla)?

Non ho idea di quanto tabacco usare per ogni tot di acqua-limone, hai info aggiuntive o vado a farmi dei calcolini da solo? :asd:

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: ven nov 27, 2015 12:50 pm
da Triptaminico
Ho letto più volte che il tabacco ha solamente effetto calmante sulla crisi d'astinenza.
Non essendo un utilizzatore di tabacco abituale ne tantomeno dipendente dallo stesso,non ho mai riscontrato nessun effetto degno di nota..

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: ven nov 27, 2015 3:27 pm
da Lexo999
Ummm...interessante.
Ma quanto tabacco servirebbe (in termini di grammi o milligrammi). :D

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: dom nov 29, 2015 12:19 am
da astraldream
Triptaminico ha scritto:Ho letto più volte che il tabacco ha solamente effetto calmante sulla crisi d'astinenza.
Non essendo un utilizzatore di tabacco abituale ne tantomeno dipendente dallo stesso,non ho mai riscontrato nessun effetto degno di nota..
Gli effetti del tabacco sono "sottili" , innanzitutto ronzio alla testa é "svarioni " , successivamente calma e una grande centratura mentale.....inizialmente é leggermente energizzante subito dopo rilassante. ...

Re: Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mar gen 19, 2016 9:38 pm
da M⊙nad
Ho avuto modo di provare il "chimo" venezuelano, un estratto di tabacco e cenere sotto forma di una pasta nera molto densa, simile all'ambil. Me ne e' stato dato un pezzettino grande come una monetina da un cent e mi e' stato detto di metterlo tra il labbro inferiore e i denti e di sputare se necessario. Subito ho sentito un bruciore/pizzicore non troppo fastidioso e ho iniziato a produrre un grosso quantitativo di saliva che ho subito sputato. Poco dopo ho iniziato a sentirmi piu' allerta e attivo, poi (con mio grande stupore) l'effeto ha continuato ad aumentare ed ho iniziato a sentirmi ovattato e leggermente confuso in modo simile alla cannabis. Il tutto, compresa la salivazione, ha continuato per almeno 20 minuti. Una volta dissolta tutta la sostanza, ho iniziato a sentirmi debole e un po' nauseato. Ho quindi deciso di sdraiarmi e li ho iniziato a sudare copiosamente, fino a quando dopo mezzora ho iniziato a riprendere le forze.

Dato che non ero soddisfatto, ho deciso di provare anche del rape' brasiliano prontamente somministrato da un omone tramite una canna di bambu lunga circa 50cm. Nonostante il bruciore fosse meno fastdioso rispetto ad altri rape' provati in passato, l'effetto e' stato immediato e molto forte. Subito mi sono dovuto sedere e il sudore e la spossatezza sono ripartiti a piena forza. Dopo mezzora di questa leggera agonia, ho iniziato a rilassarmi e ad entrare in un leggero dormiveglia. Questa pace e' pero' durata poco perche' il "taita" (il vecchio sciamano) ha iniziato a servire il yage' (l'ayahuasca)...

Tsaank - Infuso sniffabile di tabacco

Inviato: mer lug 27, 2016 3:10 pm
da Ipomeow
Ciao, non vedo i dosaggi id questa ricetta, quanto tabacco va usato?