Pagina 2 di 4

Re: tintura di efedra

Inviato: ven nov 15, 2019 4:46 pm
da El Indio
Domanda: gli alcaloidi vengono estratti sia a caldo che a freddo, sia da pianta fresca che da pianta secca e per qualsiasi pianta?

Re: tintura di efedra

Inviato: ven nov 15, 2019 7:03 pm
da Regene
Domanda: gli alcaloidi vengono estratti sia a caldo che a freddo, sia da pianta fresca che da pianta secca e per qualsiasi pianta?
sì i principi attivi sono termostabili, puoi fare come vuoi.
@VisioneCurativa grazie per il consiglio ma ormai ho fatto la prima estrazione a freddo in 5 giorni. ho già preparato il secondo pull con 200ml di alcol e 100ml di acqua.

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 16, 2019 1:56 pm
da VisioneCurativa
Ogni pianta va trattata secondo le sue caratteristiche chimiche, dalla resistenza al calore al diverso grado di solubilità dei principi attivi.
Per l'efedra puoi fare come vuoi ma in genere non si usa fresca, i principi attivi sono molto più concentrati quando secca.

Dovresti già aver preso tutto con altri 5 giorni d'infusione. Se proprio hai scrupoli e vuoi essere sicuro di non sprecare nulla facci giusto un decottino. Tanto l'acqua non costa come l'etanolo.

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 16, 2019 3:59 pm
da Regene
ok, grazie per i consigli
qualcuno sa come caricare delle foto?

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 16, 2019 4:00 pm
da El Indio
@VisioneCurativa

come decido la gradazione alcolica della tintura, cioè in base a cosa decido di utilizzare alcol alimentare al 42% piuttosto che al 70%? Da quanto ho letto, la diversa gradazione alcolica estrae componenti differenti, a 70° vengono estratti gli alcaloidi, a 30°-40° i tannini. Concordi? Inoltre, come decido il rapporto tra droga e solvente?

Re: tintura di efedra

Inviato: dom nov 17, 2019 9:04 pm
da VisioneCurativa
La decidi in base alla solubilità dei principi attivi, composti solubili sia in acqua che etanolo non richiedono alte gradazioni. In questo caso si tende ad usare una buona parte di acqua distillata anche per abbattere un po il costo di produzione.

Gli alcaloidi efedrinici sono solubili anche in acqua (specie se acida) quindi nn richiedono alte gradazioni, altre piante come la cannabis vanno trattate con la massima gradazione.

In genere un alta gradazione tende ad essere più selettiva per gli alcaloidi e meno per grassi vegetali, tannini ed altri composti inerti, quindi l'estratto viene più concentrato. Contemporaneamente scende però la resa.

Il rapporto fra droga è solvente tende ad essere inadeguato come parametro fisso, io mi regolo mescolando. In base alla densità della soluzione e ai contenuti più o meno abbondanti da estrarre. Conviene mantenere basso il volume del solvente e ripetere con del solvente fresco nella maggior parte dei casi. L'importante è metterne abbastanza da tenere coperti per bene i solidi.

Re: tintura di efedra

Inviato: mar nov 19, 2019 6:55 pm
da El Indio
Quindi secondo te è superfluo stare a calcolare umidità e peso secco di una data pianta per stabilire quanto solvente mettere?

Re: tintura di efedra

Inviato: mar nov 19, 2019 9:37 pm
da VisioneCurativa
Non serve tutta quella precisione, specie se si usano le polveri. Diversi materiali richiedono più o meno solvente, ma uno se ne accorge già mescolando. Non deve essere un budino per intenderci, ma una soluzione.

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 23, 2019 1:17 pm
da Ramatow
Dopo aver fatto un estrazione a/b da efedra, con etere, ora, per cristallizzare al meglio, mi conviene evaporare o mettere in freezer?

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 23, 2019 3:23 pm
da Regene
Ramatow ha scritto:
sab nov 23, 2019 1:17 pm
Dopo aver fatto un estrazione a/b da efedra, con etere, ora, per cristallizzare al meglio, mi conviene evaporare o mettere in freezer?
col freezer vai meglio.

Re: tintura di efedra

Inviato: sab nov 23, 2019 3:45 pm
da Ramatow
Immaginavo, grazie.

Re: tintura di efedra

Inviato: mer nov 27, 2019 12:57 pm
da Ramatow
Facendo invece un estrazione idroalcolica, come posso ottenere solo i principi attivi.

Re: tintura di efedra

Inviato: mer nov 27, 2019 7:07 pm
da Regene
Ramatow ha scritto:
mer nov 27, 2019 12:57 pm
Facendo invece un estrazione idroalcolica, come posso ottenere solo i principi attivi.
è impossibile, io l'ho fatto ed estrai molto altro.

Re: tintura di efedra

Inviato: mer nov 27, 2019 7:15 pm
da Regene
io ho estratto fino a circa 50ml ma comincia a precipitare parte del contenuto, non so se si tratti solo di tannini e altre componenti inutili oppure anche di efedrina.
mi vengono in mente un paio di idee:
aggiungo alcool fino a ridisciogliere tutto ma così otterrei un gran volume di liquido che se possibile eviterei.
rimuovo completamente l'estratto e poi tratto tutto con un altro solvente tipo etere per cercare di ottenere efedrina più pura, in teoria dovrei avere una soluzione acido ora, quindi facendo un estrazione a/b dovrei ottenere una buona resa.
altrimenti potrei abbassare ulteriormente la temperatura mettendo in freezer la soluzione e poi filtrarla così da eliminare il più possibile le componenti inerti, ho paura di perdere anche dell'efedrina così.
chiunque abbia idee o consigli è benvenuto
P.S.
ho trovato che la solubilità in alcool è di 5mg/ml. non sono sicuro della solubilità in etere penso che valga solo per la forma freebase.

Re: tintura di efedra

Inviato: gio nov 28, 2019 10:31 pm
da Ramatow
Regene ha scritto:
mer nov 27, 2019 7:07 pm
Ramatow ha scritto:
mer nov 27, 2019 12:57 pm
Facendo invece un estrazione idroalcolica, come posso ottenere solo i principi attivi.
è impossibile, io l'ho fatto ed estrai molto altro.
Era proprio questo il punto, come frazionare.

Re: tintura di efedra

Inviato: gio nov 28, 2019 10:39 pm
da Ramatow
Il solvente per un a/b è il punto fondamentale, altrimenti la resa resta esigua. L ideale sarebbe usare cloroformio, etere e nafte varie in questo caso non sono il massimo. A mio parere per quanto riguarda abbassare la temperatura della soluzione non è necessario metterla sottozero.

Re: tintura di efedra

Inviato: ven nov 29, 2019 4:15 pm
da Regene
il cloroformio è fuori discussioni, DCM, glicerolo, xylene, toluene, THF o acetonitrile non sono un problema.
non vorrei dire una stronzata ma per frazionare dovresti fare una distllazione frazionata che non è possiile con l'efedrina visto che verso i 250°C si decompone.
ovvio che posso anche fermarmi a 4°C ma ho paura di perdere efedrina. qualcuno ha dei buoni dati sulla sua solubilità?
a te com'è andata con l'etere?

Re: tintura di efedra

Inviato: dom dic 08, 2019 4:21 pm
da Regene
Ho utilizzato il processo a freddo e successivamente eliminato tutti i liquidi con lento riscaldamento, ora mi ritrovo con una resina solida molto dura di un colore tipo caramello scuro. Non so bene che fare: estraggo con un altro solvente o gratro via la resina e la ridisciolgo in alcool?
Semmai cosa potrei usare per grattare via la resina? Una lametta da barba?
@VisioneCurativa hai qualche idea?

Re: tintura di efedra

Inviato: mar dic 10, 2019 12:06 am
da VisioneCurativa
Scusa lo scopo finale?
Vuoi un estratto secco o in sospensione alcolica?
Su come isolare efedrina o la frazione degli alcaloidi non ti so dire molto, in genere ridisciogliere in aceto caldo essiccare e ridisciogliere in etanolo caldo e viceversa filtrando di volta in volta aiuta a migliorare la concentrazione a scapito della resa.

Io i residui viscosi li gratto via con un taglierino quando sono molto duri o con un cucchiaio quando molli.

Re: tintura di efedra

Inviato: mar dic 10, 2019 11:30 am
da Regene
VisioneCurativa ha scritto:
mar dic 10, 2019 12:06 am
Scusa lo scopo finale?
Vuoi un estratto secco o in sospensione alcolica?
Su come isolare efedrina o la frazione degli alcaloidi non ti so dire molto, in genere ridisciogliere in aceto caldo essiccare e ridisciogliere in etanolo caldo e viceversa filtrando di volta in volta aiuta a migliorare la concentrazione a scapito della resa.

Io i residui viscosi li gratto via con un taglierino quando sono molto duri o con un cucchiaio quando molli.
volevo fare una sospensione alcolica, il problema è prima servivano almeno 150ml di liquido per mantenere tutto in soluzione mentre io volevo avere una soluzione più concentrata intorno ai 50ml. così ho ridotto il volume fino ad arrivare a 60ml poi ho congelato la soluzione e ho filtrato il residuo. poi mi è venuto in mente che avrei potuto ottenere una tintura ancora più pura se avessi usato un altro solvente per estrarre quindi ho fatto evaporare tutto il liquido con l'idea di ridiscioglierlo poi in un altro solvente, filtrare, eliminare il solvente e ridiscioglire in alcool. a questo punto mi accontenterei di ridiscioglire in alcool.