Prime sessioni con Dimitri

Rispondi
FoolAlchemist
Messaggi: 11
Iscritto il: lun feb 04, 2019 4:20 pm

Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da FoolAlchemist » lun feb 04, 2019 6:21 pm

Ciao a tutti, vi riporto brevemente le esperienze con la sacra molecola raccontatemi, ovviamente.

Premesso che è stata la prima estrazione in assoluto da un 50 g. Ottimo prodotto intorno al 2%.

Prime sessioni svolte con i più svariati sistemi usando freebase. Vibrazioni, tonalità di colore del mondo diverse, qualche lieve accenno a presenze estranee, sensazioni di stare in una grotta, in ambienti chiusi. Nulla è stato particolarmente intenso. Le prime volte la sensazione è sempre stata quella di avere il freno a mano tirato. La percezione di un'entità femminile, dai colori verde, giallo e azzurro fluo era sempre presente, quasi uno spirito guida. Turbini di spirali con motivi geometrici, sensazione di essere in una realtà parallela, ma tutto troppo rapido e confuso. Difficilmente in grado di ricordare e trovare un filo logico.

Costruzione della macchina. Da qui le cose sono migliorate, viaggi più intensi con 60 mg circa. Breakthrough in mondi colorati e caotici. Nessuna interazione con esseri. Percezione della loro presenza, ma nessun contatto. Libidine il più delle volte e tante lacrime che automaticamente sgorgavano dagli occhi.

Passaggio alle foglie incantate. Preparate di due tipi: a base di passiflora e di pau d'Arco. Sempre ca 50/60 mg di Dimitri per sessione. Strumento pipetta di vetro senza pretese. Fumo un po' acre e caldo.

Passiflora: letteralmente ribaltato nel mondo parallelo, vibrazioni, suono ad alta frequenza quasi assordante, salita al picco abbastanza graduale. Sensazione di poter rallentare le visioni, rimaste pur sempre molto caotiche. Nessuna particolare interazione e sensazione generale di essere in un mondo sud Americano. Pattern composti da facce azteche, colorate e più o meno benevole. Sensazione di essere osservato. Interazioni poco o nulla.

Pau d'Arco: stesso dosaggio, circa 50 mg.
Primo tentativo un po' a vuoto. Tutto confuso, salita e discesa rapide. Pattern vari, ma niente degno di nota.
Secondo tentativo sentendo ancora gli effetti del primo. Qui l'illuminazione. Premesso che Dimitri e pau d'Arco prendono un odore/sapore molto incensato e delizioso, lo sciamanesimo diventa tangibile. Proiezioni in posti incantati, nelle vallate dei nativi americani, ci sono le tende, il cielo è terso e uno la piccola Squo pelle di luna conduce il visitatore nell'accampamento. Sensazione di pace. All'apertura degli occhi il cielo ormai scuro delle 18 manteneva quei colori fluo, luminosi, sembrava di essere ancora nella vallata dei nativi. Sensazione di stupore e lentamente ritorno alla normalità. La discesa con questa spezia è più impegnativa, sbadigli, nausea, sensazioni spiacevoli diffuse alternate ad attimi di pace. Un po' montagna russa. Credo sia un piccolo assaggio di come possa essere la madre aya. Dopo pochi minuti il ritorno alla normalità con lo sbigottimento che accompagna dimitri.

Considerazioni finalI: certamente le aspettative, dalle letture trovate in rete erano esagerate. Pur mantenendo una notevole intensità, la lucidità che permane per tutto il tempo, unita alla certezza che la realtà intorno è lì che ti aspetta, permettono di percepire l'esperienza poco sconvolgente a livello psicologico.
Fisicamente lascia spossati ma felici, nel giro di mezz'ora passa anche la spossatezza alla fine. Fa lacrimare senza soluzione di continuità, le prime volte la si confonde con lo sbigottimento, poi diventa il presagio che il passaggio nel mondo parallelo è imminente. Molte esperienze paiono mancanti di qualcosa, sarà la rapidità e la difficoltà nel concentrarsi su qualcosa di specifico mentre si è immersi.
Qualche sassolino nella scarpa rimane per la quasi totale incapacità di interagire con le presenze. Ci sono, sempre poco definite, hanno un atteggiamento neutrale, ma non hanno voglia di mostrare nessun prodigio e nulla fuori dalla concezione umana. Credo di avere una certa resistenza/metabolismo rapido che mi trattiene in qualche modo.
Ora sono curioso di sentire pareri e commenti ed eventualmente consigli.
Ciao poeti navigatori.

https://www.visionecurativa.it/

era
Messaggi: 435
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da era » lun feb 04, 2019 6:47 pm

FoolAlchemist ha scritto:
lun feb 04, 2019 6:21 pm
Qualche sassolino nella scarpa rimane per la quasi totale capacità di interagire con le presenze.
Ciao, premetto che ho una visione più 'umida' riguardo la dmt, seppure estraggo 'a secco' (utilizzo termini alchemici, se graditi). Però la frase riportata sopra è un po' contrastante. Forse intendevi sassolino e non interazione?
Bella esperienza, i colori fluo, quello verde, lo attribuisco all'aria, più precisamente a 'creature Azoiche'.
Non facendo utilizzo di imao, non sarò di grandissimo aiuto. Potrai sicuramente riscontrare affinità con chi viaggia a livelli vibrazionali superiori (non differenzio tra alto e basso, se non per la 'visualizzazione').
Recentemente, ripreso il viaggio, ci ho messo dieci giorni per riprendere contatto con la mia entità guida.

2% è una bella quantità, il Pilocarpus ne ha tanta, quale pianta hai utilizzato, solo Pau?
La Passiflora è stata gentile?

FoolAlchemist
Messaggi: 11
Iscritto il: lun feb 04, 2019 4:20 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da FoolAlchemist » lun feb 04, 2019 6:56 pm

Ciao Era! Ho editato, intendevo incapacità. Ho usato la mimosa dal Brasile, sono concentrazioni buone, ma comunque "standard". La qualità dell'estrazione poi è da valutare. Dalla terza in poi è decisamente inferiore delle prime due, più oleosa e parrebbe meno efficace. La passiflora è stata molto soft ed era in proporzione 2:1 Per il sapore invece pau d'Arco tutta la vita. Effettivamente è l'ambiente a prendere le tonalità verde/giallo, non gli oggetti, come dici tu, l'aria.

Avatar utente
Invernomuto
Messaggi: 523
Iscritto il: lun lug 17, 2017 6:02 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da Invernomuto » lun feb 04, 2019 7:07 pm

b'è in ogni caso vedo che hai fatto un bello studio, io fin da subito ho iniziato a interagire ma ho da subito usato la changa, solo un paio di volte fumai dmt puro e infatti ricordo che mi deluse, mi sembrava incompleto, la passiflora è un imao troppo leggero, ti consiglio di passare alla changa, se vuoi dritte sulla preparazione quà sul forum di materiale ce n'è in abbondanza

Avatar utente
Invernomuto
Messaggi: 523
Iscritto il: lun lug 17, 2017 6:02 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da Invernomuto » lun feb 04, 2019 7:09 pm

aggiungo anche che lo strumento e la tecnica nel fumare fa davvero tanto, una bella pipa da crack o un bonghetto, riuscire a fare tutto in un tiro e catalizzare bene è importante

FoolAlchemist
Messaggi: 11
Iscritto il: lun feb 04, 2019 4:20 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da FoolAlchemist » lun feb 04, 2019 7:21 pm

Ciao Inverno, un bonghetto è sicuramente un acquisto da fare. Con la pipa in 3 o 4 tiri ce la si fa, ma il terzo e il quarto sono una sofferenza perché ci si deve un po' aggrappare alla razionalità e soprattutto le braccia e le mani sono "molli". Credo anche io che la svolta arriverà quando in un tiro la spezia sarà consumata tutta e ci si potrà concentrare sul trattenere il respiro. Anche qui ci sarebbero mille discorsi, delle volte pare che la confusione sia più legata al trattenere il respiro per 3 o 4 volte di seguito piuttosto che alla spezia vera e propria e questo sicuramente inquina molto l'assimilazione. La Changa è il prossimo obbiettivo, ma la pigrizia legata all'ennesimo acquisto poco raccomandabile sul web frenano molto l'entusiasmo. La ruta potrebbe sostituirla, ma anche qui la voglia di estrarre è minima, per di più leggendo gli sbatti infiniti da fare. Sicuramente il tuo consiglio è molto apprezzato

era
Messaggi: 435
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da era » lun feb 04, 2019 7:26 pm

FoolAlchemist ha scritto:
lun feb 04, 2019 6:56 pm
Effettivamente è l'ambiente a prendere le tonalità verde/giallo, non gli oggetti, come dici tu, l'aria.
L'interattività arriva con la pratica.
A volte ho provato a 'sbollentare' piante contenenti l'alcaloide, stando vicino, l'aria aveva questo colore, dava quest'impressione.
Sperando nella tua permanenza e in scambi di opinioni, indirizzo verso un prontuario e una vasta bibliografia, argomentati da un altro utente:
https://psiconauti.net/forum/viewtopic. ... =40#p47391
Chissà, magari sarà utile.

FoolAlchemist
Messaggi: 11
Iscritto il: lun feb 04, 2019 4:20 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da FoolAlchemist » lun feb 04, 2019 7:29 pm

Grazie! Molto gentile. Rimarrò assolutamente, sono anni che leggo e guardo tra qui e l'altro forum. Grazie per il prontuario che credo di essermi perso per tutto questo tempo!

era
Messaggi: 435
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Prime sessioni con Dimitri

Messaggio da era » lun feb 04, 2019 8:03 pm

FoolAlchemist ha scritto:
lun feb 04, 2019 7:29 pm
Grazie! Molto gentile. Rimarrò assolutamente, sono anni che leggo e guardo tra qui e l'altro forum. Grazie per il prontuario che credo di essermi perso per tutto questo tempo!
a completa disposizione, quando il non tempo c'è :D

Rispondi