Teoria del passaggio e cannabis, nessun sostegno dai dati

Rispondi
Abeja G.
Messaggi: 1390
Iscritto il: mer ott 14, 2015 2:42 pm

Teoria del passaggio e cannabis, nessun sostegno dai dati

Messaggio da Abeja G. » sab mag 08, 2021 6:45 pm

La cannabis non è una “gateway drug” come vorrebbe la teoria del passaggio. Il suo uso non è causa del consumo di altre droghe, secondo un recente studio.

La teoria del passaggio, per la quale la cannabis sarebbe la porta d’accesso all’uso di altre droghe più pericolose, è un mantra proibizionista di cui spesso abbiamo parlato. Un mito che si è sempre scontrato con logica e fatti. E’ di pochi giorni fa la pubblicazione sul Journal of Experimental Criminology di uno studio che conferma che le affermazioni che l’inizio dell’uso di marijuana è collegato al consumo di altre sostanze illegali non sono supportate da dati longitudinali.

Una coppia di ricercatori della Boise State University in Idaho ha analizzato in un campione rappresentativo a livello nazionale la relazione tra l’uso di marijuana nella tarda adolescenza e l’uso di altre sostanze illecite più tardi nella vita.

Gli autori hanno riferito che: “il discorso politico che sostiene la proibizione della marijuana si basa comunemente sul presupposto che la marijuana causi l’uso di droghe pesanti. L’MGH [l’ipotesi della cannabis come gateway, ndr] è di gran lunga la giustificazione più comune per vietare l’uso della cannabis. Tuttavia, l’attuale studio fornisce ulteriori prove del fatto che le argomentazioni sulle comuni responsabilità [che portano all’uso di droghe, ndr] sono più in linea con i modelli di consumo di sostanze osservati negli Stati Uniti.”

Per gli autori “l’attuale studio affina ed estende la letteratura sull’MGH testando l’ipotesi utilizzando una metodologia quasi sperimentale di rigoroso abbinamento del punteggio di propensione in un campione rappresentativo a livello nazionale. Utilizzando tre ondate di dati dal National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health (1994-2002), sono stati condotti diciotto test di corrispondenza del punteggio di propensione dell’ipotesi del gateway della marijuana. Sei dei diciotto test erano statisticamente significativi; tuttavia, solo tre erano sostanzialmente significativi. Questi tre test hanno rilevato deboli effetti dell’uso frequente di marijuana sull’uso di droghe illecite, ma erano anche sensibili a bias nascosti.”

Hanno concluso: “In sintesi, i risultati dell’attuale studio… forniscono ulteriore supporto alla ricerca precedente che metteva in dubbio le affermazioni causali dell’MGH. Sebbene vi sia un forte supporto per la correlazione e il sequenziamento nell’uso di marijuana e droghe pesanti, la correlazione e il sequenziamento da soli non possono fornire prove sufficienti per la causalità. Fattori diversi dall’uso di marijuana come la predisposizione genetica, le relazioni tra pari o l’accesso al mercato delle droghe illecite potrebbero essere le cause principali del consumo di droghe pesanti invece del consumo stesso di marijuana. In quanto tale, è improbabile che qualsiasi politica pubblica che vieti l’uso della marijuana nel tentativo di frenare l’uso di droghe pesanti abbia successo “.

https://www.fuoriluogo.it/mappamondo/te ... Ja-sLnOOyX


Rispondi