Omicidio e DROGA

Ciò che riguarda la psichedelia ma non trova posto nelle altre sezioni.
Rispondi
Avatar utente
Uomomacchina
Messaggi: 269
Iscritto il: mer dic 16, 2020 12:30 pm

Omicidio e DROGA

Messaggio da Uomomacchina » ven giu 25, 2021 5:29 pm

L'omicidio di Elisa Campeol è rituale.

Perché?

Non solo perché l'assassino è uno psicopatico che si drogava di psicofarmaci ma anche perché chi ha la mente/spirito debole CANALIZZA energie distorte attraverso un macabro simbolismo.

I pensieri e le emozioni degli uomini si depositano di mente in mente ma anche di oggetto in oggetto.

Follia?
Io lo VEDO.

Così menti egoiche dai desideri impuri contaminano la realtà trascinandola verso il basso, verso morte e sofferenza, verso la TENEBRA.

APOCALISSE = RIVELAZIONE

Un malato psichico canalizza le energie in modo confuso e si sente spinto verso il crimine da una forza superiore.
RIVELAZIONE ossia i pensieri umani, anche se nascosti, vengono amplificati e rivelati.
Non si può curare un singolo soggetto senza curare tutta la società perchè quel soggetto canalizza i pensieri occulti della società stessa.
Elisa, una donna LIBERA, autonoma che prendeva il Sole in solitudine.

Come in principio così ora.

Da Lilith ad oggi non è cambiato nulla.


La società non vuole Donne LIBERE!
Anche il tipo di omicidio è sintomatico di ciò che è nell'animo umano.
Egli l'ha colta alle spalle e l'ha massacrata nel sangue da vigliacco e da violento.
VIGLIACCHERIA E VIOLENZA sono sentimenti nascosti negli animi dell'umanità.

E sono una DROGA infame che ha spento lo spirito di molti.

Il taglio dell'orecchio del SERVO del sommo sacerdote è un simbolo.
Pietro taglia l'orecchio di chi NON SENTE e serve gli idoli.


L'assassino di Elisa le porta via l'orecchio come trofeo.

Il mondo non sente.

Il mondo non vede.

Il Sangue scorre.

Il malato psichico non è solo chi brandisce un'arma ma anche chi non DIFENDE, chi si NASCONDE, chi DEPREDA, RUBA e sguazza nel liquame putrido di volgari dipendenze.

Come nere lance questi pensieri occulti armano chi non si domina.

Siamo tutti colpevoli.


Rispondi