Ketamina - Sogni e Realtà - Karl Jansen

Discussioni generiche sulle molecole più o meno pure
Rispondi
Avatar utente
nde99
Messaggi: 5
Iscritto il: mer lug 10, 2024 2:27 pm

Ketamina - Sogni e Realtà - Karl Jansen

Messaggio da nde99 » mer lug 10, 2024 3:03 pm

Ciao a tutti sono nuovo del forum,

ho letto e tradotto di recente questo libro di Karl Jansen, davvero interessante ! credo il più esaustivo sull'argomento

vi riporto alcuni passaggi:
Introduzione

Il desiderio umano di alterare la coscienza attraverso l'uso di droghe psicoattive è antico quanto la storia documentata. Come la musica e la danza, l'ingestione di sostanze che alterano la mente è un comportamento umano universale e interculturale.
I potenziali benefici dei composti psicoattivi per l'individuo e la società sono riconosciuti da molti. Le culture indigene hanno integrato l'uso di piante psicoattive all'interno delle loro istituzioni spirituali o religiose, e i moderni utilizzatori di composti psichedelici o entheogenici spesso riferiscono di aver tratto benefici spirituali, terapeutici e ricreativi dal loro uso. Anche il campo interdisciplinare degli "studi sulla coscienza" riconosce che l'indagine sugli stati alterati indotti dalle droghe consente una migliore comprensione della coscienza umana.
Allo stesso tempo, è indubbio che le droghe psicoattive possano essere dannose. L'ampia disponibilità e la commercializzazione illecita di droghe come l'LSD, l'MDMA e la ketamina come "droghe da festa" per la maggior parte dei giovani presenta sfide significative per la salute pubblica e la politica sulle droghe. Tragicamente, molti giovani sono poco informati sui rischi reali dell'uso di queste droghe e sui modi per minimizzarli. Questo è in gran parte il risultato di programmi "antidroga" allarmistici e unilaterali, che passano per "educazione alla droga" in molte scuole degli Stati Uniti.
Nonostante gli sforzi straordinariamente costosi e repressivi compiuti negli ultimi decenni per proibire l'uso di droghe illecite, il numero di tossicodipendenti e di chi ne abusa gravemente non è diminuito in modo significativo. La natura sempre più militaristica e punitiva della politica della "guerra alla droga" ha fatto crescere la popolazione carceraria degli Stati Uniti fino a un numero senza precedenti di due milioni di detenuti. Circa quattrocentomila di questi prigionieri sono stati condannati per reati non violenti legati alla droga.
La maggior parte degli attuali sforzi di prevenzione ed educazione all'abuso di droghe si basa su messaggi troppo semplicistici di sola astinenza, come "basta dire di no" e "i vincitori non usano droghe", che hanno dimostrato di non avere successo nel prevenire l'uso di droghe tra i giovani che sono il target principale.
Internet, inoltre, ha aumentato la consapevolezza popolare di molti composti psicoattivi meno noti, incrementando la domanda di queste sostanze e generando un mercato "profano" che un decennio fa era praticamente inesistente. Allo stesso tempo, l'accesso ai siti Internet che forniscono informazioni accurate e veritiere sulle droghe è bloccato nella maggior parte delle scuole superiori da un software che esegue una scansione delle parole chiave relative alle droghe. Come risultato di queste e altre politiche "antidroga", i giovani che sono esposti a una varietà di droghe psicoattive più ampia che mai hanno poche opportunità di ottenere informazioni che possono ritenere corrette e accurate.
Come direttore di un'organizzazione per la riduzione del danno che lavora con i giovani, questo mi ricorda un incidente a cui ho assistito a una festa da ballo a Oakland, in California. Una giovane donna girava con un cucchiaio per sniffare, offrendo "bumps of K" a chiunque ne volesse uno. Un giovane, che già sentiva gli effetti dell'MDMA che aveva assunto in precedenza, chiese: "Cos'è il K?".
La sua risposta è stata semplicemente: "Si chiama Special K. È molto divertente. Ti fa sentire sognante e fluttuante". Alzò il cucchiaio.
"Forte", disse, e sniffò la polvere bianca.
Episodi come questo si verificano ogni fine settimana nei bar, nelle discoteche e nelle feste in casa di tutto il mondo. Sia che condanniamo come irresponsabili coloro che ingeriscono casualmente droghe di cui non sanno nulla, sia che consideriamo questo comportamento naturale tra i giovani alla ricerca di novità in una cultura consumistica che promuove la gratificazione istantanea, una cosa è certa: le droghe psicoattive non scompariranno. La disponibilità e l'uso popolare di droghe come la ketamina continueranno con ogni probabilità ad aumentare nei prossimi decenni.
Ecco perché il libro che avete in mano è così importante. Con la pubblicazione di Ketamina: Dreams and Realities, il dottor Karl Jansen ha fornito la prima analisi autorevole e completa della ketamina scritta in termini profani. Come
ho potuto constatare personalmente più volte, le persone che hanno maggiori probabilità di essere danneggiate dall'uso di psicofarmaci sono quelle che ne sanno meno. Spiegando sia i potenziali benefici che i rischi dell'uso di questa droga, il dottor Jansen ha dato un contributo importante e tempestivo al nascente ma urgente sforzo di comprendere e sviluppare un approccio pragmatico di salute pubblica al fenomeno sociale in continua espansione dell'uso di droghe psicoattive. Questo libro non solo contiene una grande quantità di informazioni pratiche sulla riduzione del danno per i consumatori di ketamina, ma chiarisce anche a medici, terapeuti, fornitori di trattamenti e responsabili politici le ragioni misteriose ma convincenti per cui molte persone (a differenza del giovane di cui ho parlato sopra) scelgono di fare uso di questa droga in modo pienamente informato. Il dottor Jansen illustra anche un programma di trattamento per le persone la cui scelta iniziale di usare la droga si è trasformata nel vicolo cieco dell'abuso e della dipendenza da ketamina.
Il libro del dottor Jansen è ricco di notevoli intuizioni filosofiche sul rapporto tra mente (esperienza soggettiva interiore) e cervello (neuroscienze), dando un contributo prezioso alla nostra comprensione della coscienza umana. Il Dr. Jansen è da lodare per questa esplorazione approfondita e studiata della ketamina. Ketamina: Dreams and Realities rimarrà senza dubbio il libro più rilevante e influente sulla ketamina per molti anni a venire.
Emanuel Sferios Direttore esecutivo di DanceSafe www.dancesafe.org


ma anche:
"L'esperienza di pre-morte (NDE) è uno stato alterato dell'essere che può essere raggiunto in vari modi, tra cui la ketamina. Nel passato, ho pubblicato diversi articoli sulla ketamina e la NDE che si concentravano sugli eventi del cervello stesso.
In questo libro ho preso inoltre in considerazione anche suggerimenti molto più speculativi secondo i quali il cervello può agire come ricetrasmettitore, convertendo i campi energetici "oltre il cervello" in caratteristiche della mente, in modo simile al modo in cui un televisore converte le onde dell'aria in suoni e visioni.
Per alcuni scienziati e altri, i progressi della fisica quantistica suggeriscono che alcune droghe, e le condizioni che producono esperienze di pre-morte, sono in grado di fornire un'esperienza di pre-morte possono "risintonizzare" il cervello per consentire l'accesso a campi e a "grandi cast" che di solito sono inaccessibili. Essi propongono che questa risintonizzazione possa aprire le porte a regni che sono sempre presenti, piuttosto che produrli realmente, proprio come la trasmissione di un canale televisivo continua quando cambiamo canale. Alcuni utenti ritengono che questa idea sia mentre altri la vedono come una pericolosa illusione che conduce gli incauti nella "trappola dell'uso ripetuto". Questo capitolo descrive principalmente gli eventi della "televisione" stessa, mentre l'ipotetica questione dei campi "oltre il cervello" è l'argomento principale del prossimo capitolo.
La luce e il buio dentro di noi
Tutte le caratteristiche di una NDE classica possono essere riprodotte in alcune persone quando la ketamina viene somministrata alla giusta dose e nel giusto contesto. Ovviamente la droga ha molti altri effetti, così come le persone che hanno avuto un infarto possono riferire stati alterati dell'essere con un'ampia gamma di contenuti. Non esistono criteri concordati per definire la NDE. Diversi ricercatori hanno un proprio elenco di requisiti, per cui a volte parlano di stati dell'essere diversi. Coloro che credono che le esperienze di pre-morte siano sempre viaggi gioiosi, calmi e belli, etichettano semplicemente i racconti terrificanti come qualcosa di diverso, ad esempio un incubo. Un'altra fonte di pregiudizio è la riluttanza di coloro che hanno avuto esperienze negative a condividerle. La storia è generalmente scritta da coloro che hanno visto la luce piuttosto che il buio. Il neuropsichiatra Peter Fenwick, coautore del libro del 1995 "La verità nella luce", ha notato che le persone che hanno avuto esperienze negative o neutre sono molto meno propense a comunicarle rispetto a quelle che hanno avuto esperienze positive. È stato sostenuto che una differenza importante tra le esperienze di pre-morte e quelle indotte dalla ketamina è che queste ultime possono essere sgradevoli e non si desidera ripeterle. Tuttavia, alcune persone hanno trovato le esperienze con la ketamina euforiche e beatificanti e hanno voluto assumere il farmaco ogni giorno, mentre alcune esperienze di pre-morte sono state indotte dalla ketamina.
Le esperienze di pre-morte possono essere oscure, spaventose e tutt'altro che tranquille. Raymond A. Moody, Jr., M.D., autore della classica opera del 1975 Life After Life, ha notato che le esperienze di pre-morte legate ai tentativi di suicidio erano sempre orribili; il racconto di una donna nel libro affermava: "Se lasci qui un'anima tormentata, sarai un'anima tormentata anche laggiù". Moody descrive il caso di una persona che si è recata in un "terribile" luogo di limbo dove pensava di dover rimanere per molto tempo. Marianne Faithfull ha avuto diverse esperienze spaventose legate ai suoi tentativi di suicidio. Si era appena separata da Mick Jagger e stava affrontando la morte del loro amico (forse per omicidio) Brian Jones. Alcune esperienze con la ketamina possono essere accomunate a certi tentativi di suicidio perché comportano una forma di morte dell'ego autoindotta e, nel caso di un uso ripetuto e frequente, possono rappresentare un tentativo di fuga dalla vita normale. Carol Zaleski ha commentato a lungo l'asetticità della NDE per il mercato moderno del benessere. Nel suo libro Otherworld Journeys, ha osservato che i resoconti di esperienze di pre-morte del Medioevo erano pieni di "dure scene di giudizio, tormenti purgatoriali e terrori infernali", che sono scomparsi dalla "letteratura di pre-morte ottimista di oggi". Ha detto che il moderno essere di luce "comunica, ma non scomunica mai".
Anche se accettiamo che le esperienze di pre-morte avvengano durante la "transizione dell'anima" (come sostengono alcune persone di orientamento spirituale), ci aspetteremmo comunque che un po' di oscurità accompagni la luce, essendo l'una necessaria per definire l'altra. Molti antichi miti e idee religiose raccontano di viaggi sia beati che spaventosi. Una parte del Libro tibetano dei morti riguarda i viaggi di paura, i segni dell'esistenza nel Terzo Bardo, tra cui panico, torture e persecuzioni. La forma che i demoni assumono dipende dalle origini culturali della persona. Il modello dello psichiatra Stanislav Grof include grande paura, ansia, panico e paranoia, oltre a molti stati belli, estatici ed euforici. Le testimonianze di NDE possono descrivere l'inferno, il purgatorio, il paradiso e vari stadi intermedi, così come i resoconti di esperienze con la ketamina. Non c'è luce senza oscurità e non è credibile né accurato descrivere tutte le esperienze di pre-morte come piene di pace e tranquillità. È anche sbagliato considerare tutte le esperienze con la ketamina come spiacevoli, un controsenso comune. La scheda tecnica di Parke-Davis parla di sogni vividi che possono essere piacevoli o spiacevoli.

Penso che molti tentativi di spiritualità New Age falliscano perché sono così presi dalla luce e così desiderosi di sostenere la luce e il calore in un mondo che può essere freddo e buio, che non onorano abbastanza l'oscurità, l'affondamento, la sofferenza e l'ombra.
Mathew Fox, ex sacerdote dominicano Grazia naturale - Dialoghi su scienza e spiritualità (1996)

Gli eventi principali della NDE
Tra le caratteristiche importanti vi è la sensazione che ciò che si sperimenta sia reale e che si sia realmente morti, e che ciò che sta accadendo sia inesprimibile a parole. È comune un senso di atemporalità ed eternità. Spesso si provano sentimenti di pace, gioia ed euforia, anche se alcuni casi sono stati spaventosi e profondamente spiacevoli. Oltre al paradiso, è anche possibile emergere in spazi da incubo dove la luce alla fine del tunnel è un treno in arrivo o un fiammifero acceso in una bara.
Gli eventi iniziali possono talvolta verificarsi ad alta velocità. In un caso tipico riportato da Moody, una persona ha attraversato un vuoto nero e buio a velocità elevatissima, come se fosse sulle montagne russe. Moody notò che aveva sentito altri descrivere questo spazio come una grotta, un pozzo, un avvallamento, un recinto, un tunnel, un imbuto, un vuoto, una fogna, una valle e un cilindro. Quasi tutte queste espressioni sono state usate anche per descrivere le prime fasi di un viaggio con la ketamina.
Sia in una NDE che in un'esperienza con ketamina, possono verificarsi l'incapacità di provare dolore, la chiarezza di pensiero, l'apparente separazione dal corpo (un viaggio extracorporeo), e/o visioni di paesaggi, angeli, esseri di luce, persone tra cui il partner, i genitori, gli insegnanti e gli amici (che possono essere vivi in quel momento), e figure religiose o mitiche. Può sembrare che ci sia un'interazione con queste figure, che a volte (anche se non sempre) sono percepite come utili. Alcune persone descrivono di aver incontrato esseri più banali come Elvis (mi scuso con chi pensa che Elvis sia Dio) o personaggi di Star Trek. L'euforia è comune. La persona può suddividere l'esperienza in sequenze distinte, compresa la percezione di un confine tra regni diversi in cui si torna indietro verso la vita o si entra improvvisamente in una nuova fase. Spesso non c'è scelta sulla direzione del cambiamento, che sembra essere dettato da forze più grandi. Sia nelle esperienze di pre-morte che in quelle con la ketamina, può esserci una marcata riluttanza a tornare indietro. Nel suo libro Addict, Stephen Smith descrive il fatto di essere costretti a tornare come un "doppio gioco da parte di Dio". Nelle culture cristiane la persona può sentirsi dire che non è ancora il suo momento di andare, mentre in India può sentirsi dire che c'è stato un errore di trascrizione. Il modo in cui la ketamina produce spostamenti di fase rapidi e distinti tende a distinguerla dalle droghe psichedeliche classiche. Queste ultime producono solitamente transizioni più graduali, piuttosto che la percezione che un interruttore sia scattato all'improvviso. Le esperienze con la ketamina possono comportare bruschi cambi di fase, come se si scendesse una serie di scale psichiche, e in alcuni casi il ritorno alla normalità può essere improvviso.
Le esperienze di pre-morte possono comportare l'ascolto di un medico che pronuncia la morte e di altre parole pronunciate da spettatori, il librarsi sopra la scena o un'esperienza extracorporea più ampia. I viaggi con la ketamina comportano tipicamente "librarsi" e "viaggi extracorporei". Fortunatamente, però, gli utilizzatori non sentono i medici pronunciare la loro morte, anche se lo psichiatra Rick Strassman descrive persone a cui è stata somministrata DMT per via endovenosa che hanno avuto questa allucinazione.
Tornando alla NDE: a livello biografico personale, possono emergere vecchi ricordi che a volte vengono organizzati in una revisione della vita. Sono frequenti le "lezioni d'amore": il messaggio è che l'amore è al centro di tutto. Sono frequenti gli stati mistici
trascendenti. La consapevolezza può sembrare entrare in regni transpersonali al di là dei confini del tempo, dello spazio e della propria esperienza di vita. È stato descritto l'ascolto di rumori durante la parte iniziale della NDE, tra cui squilli nelle orecchie.
orecchie, ronzii, cinguettii e fischi.
Kenneth Ring, autore di Life at Death: A Scientific Investigation of the Near-Death Experience, ha classificato l'NDE su un continuum di 5 stadi: sensazioni di pace; distacco dal corpo; ingresso in un mondo transitorio di tenebre (rapido movimento attraverso un lungo tunnel buio: "il viaggio nel tunnel"); emersione nella luce brillante; e "ingresso nella luce". Negli studi di Ring, solo il 10% ha raggiunto l'ultimo stadio. Le affermazioni secondo cui le esperienze di pre-morte sono sempre identiche, indipendentemente dal contesto e dall'ambientazione, sono contraddette dalla varietà effettivamente riscontrata nei resoconti pubblicati. Esse variano a seconda delle persone e delle culture. Per esempio, invece di un tunnel e di angeli, gli Indiani d'Oriente possono descrivere il fiume Gange e un particolare guru. Un bambino che ha una NDE può "vedere" i suoi amici e insegnanti ancora in vita, o i personaggi di Nintendo e dei fumetti, piuttosto che Dio. Le esperienze di pre-morte contengono tante variazioni e tante somiglianze quante se ne trovano nelle esperienze con la ketamina, nello stesso set e nello stesso ambiente. Si è detto che il fatto che i resoconti delle NDE siano tutti molto simili dimostra che le anime viaggiano nello stesso luogo. Non solo questi resoconti non sono così simili, ma anche se le anime viaggiassero nello stesso luogo (supponendo che le anime esistano), i fattori individuali influenzano sempre ciò che viene visto, anche quando siamo svegli e guardiamo lo stesso canale. La moderna fisica quantistica suggerisce un numero infinito di altre realtà, piuttosto che la ristretta gamma fornita da alcune religioni.
Le esperienze di pre-morte possono essere terapeutiche. Gli effetti collaterali possono includere una maggiore gioia di vivere, una riduzione della paura della morte, una maggiore preoccupazione per gli altri, una riduzione dei livelli di ansia e di nevrosi, una riduzione della dipendenza, un miglioramento della salute e la risoluzione di vari sintomi. Anche le esperienze con la ketamina possono portare a cambiamenti positivi, soprattutto se avvengono all'interno di un'alleanza terapeutica, in un contesto appropriato e in una situazione di benessere.
impostazione. Questa è talvolta chiamata "psicoterapia della morte-rinascita". Come le droghe, tuttavia, anche le esperienze di pre-morte possono essere tossiche:
Ho avuto un'esperienza di pre-morte prima di essere operata... L'appendice era scoppiata. Ho avuto un'esperienza extracorporea, ho sentito il contatto con una luce brillante e poi una figura trasparente che mi diceva che non era il mio momento e che dovevo tornare indietro. Dopo l'intervento non pensai molto a questa esperienza. Tuttavia, un mese dopo la NDE - mi è stato detto in seguito che si trattava di una NDE - sono diventato cronicamente depresso e l'intensità delle depressioni è aumentata fino al punto di arrivare al suicidio. Continuavo ad avere flashback di negligenza e abusi infantili: ricordavo persino un incidente avvenuto quando avevo sei settimane di vita. Alla fine sono entrata in psicoterapia con uno psichiatra. Dopo sei anni mi sono finalmente ripresa. La mia esperienza - e molti altri sono d'accordo con me - è che molte cose sono emerse all'improvviso dai meandri della mente e se ne è dovuto parlare in anni di terapia. Ho conosciuto molte persone che sono entrate in stati depressivi dopo la loro NDE e questo non corrisponde a molta letteratura, che ha creato l'impressione che una volta che un individuo ha avuto una NDE, la vita sia improvvisamente paradisiaca. L'ipotesi che una volta che un individuo è stato "colpito dalla luce" avvenga una trasformazione improvvisa e drammatica della personalità non è vera. K.U.
Esperienze di pre-morte indotte dalla ketamina
La ketamina è in grado di riprodurre tutte le caratteristiche della NDE, compresi i suoni ronzanti/anelli/sibili all'inizio, il viaggio attraverso un'oscura
tunnel nella luce ad alta velocità, la convinzione di essere morti, apparente comunione telepatica con Dio, visioni intense, revisioni di vita, esperienze extracorporee, e stati mistici. Prima che Life After Life di Moody rendesse popolare il termine "esperienza di pre-morte", un anestesista aveva osservato:
La ketamina permette ad alcuni pazienti di pensare che... la strana, inaspettata intensità e la dimensione sconosciuta della loro esperienza significa che devono essere morti.
Barbara B. Collier
"La ketamina e la mente cosciente", Anestesia (1972)

L'anno successivo, ad un anestesista sono stati somministrati 3 mg/kg per via endovenosa nell'ambito di uno studio di ricerca sui polmoni:
Non ho avuto alcun preavviso. Ho sentito un ronzio sordo e poi, in pochi secondi, ho perso i sensi... Il mio primo ricordo è quello dei colori... I disegni apparivano e svanivano, sempre a fuoco, con bordi ben definiti... Ero una mente sospesa nello spazio... Sto morendo o sono già morto? Non avevo paura, ero più curioso. "Questa è la morte. Sono un'anima e sto andando dove vanno le anime...".
Robert E. Johnstone "Un viaggio con la ketamina", Anestesiologia (1973)

I miei viaggi in K iniziavano con un ronzio nelle orecchie. All'improvviso mi ritrovavo a percorrere gallerie ad alta velocità. Velocemente! A volte si trattava di tubi, i tubi dietro il tessuto di tutto. A volte mi trovavo in una ferrovia sotterranea, ma non ero in una carrozza. Sembrava che fossi montato sulla rotaia stessa. Poi arrivavo all'improvviso... Una volta sono uscito in una luce dorata. Mi sono alzato nella Luce e mi sono trovato a scambiare parole con la Luce, che credevo fosse Dio, su questioni che sembravano essere di importanza centrale per la mia vita e per chi ero, anche se non riuscivo a ricordare di cosa avessimo effettivamente discusso in seguito. Non credevo in Dio, il che ha reso l'esperienza ancora più sorprendente. Dopo, ho camminato per ore per casa dicendo: "I miei occhi hanno visto la gloria della venuta del Signore", e stavo scherzando solo a metà. Molti dei miei viaggi, e ne ho avuti molti, sono una nebbia dimenticabile, ma quello si distingue con grande chiarezza. Circa un anno dopo andai invece all'inferno. Presi la dose più grande di sempre, 200 mg come iniezione nella natica, e mi rannicchiai per la notte. Ancora una volta stavo attraversando un sistema di tubature, ma questa volta uscii in una piccola stanza rossa, scarsamente illuminata e piena di terrore. Avevo perso il mio corpo ed ero diventato qualcosa appeso a un piolo. Pensavo che avrei dovuto rimanere per sempre in quella stanza. Ero all'inferno. Urlai e urlai... fu la mia prima esperienza di ciò che significa veramente ETERNITÀ. La mattina dopo sono quasi diventato cattolico. Quell'esperienza scosse seriamente le basi della mia incredulità. Pensavo che fossero assolutamente pazzi coloro che volevano continuare a vivere per l'eternità senza il proprio corpo. Mi ha fatto sperare ardentemente che la fine sia davvero la fine...
K.U.

Il racconto successivo è un esempio di come le esperienze di pre-morte e le esperienze con la ketamina possano essere identiche, e mostra l'uso di questi stati per auto-trattare una reazione acuta al lutto e per prevenire lo sviluppo di un disturbo da stress post-traumatico. La persona intervistata è un uomo che ha perso la sua compagna in un incendio, ha avuto una NDE mentre cercava di salvarla, e ha avuto una NDE identica mentre assumeva ketamina per la prima volta una settimana dopo. Dopo l'incendio si sentiva come se "tutto intorno, la vita continua e mi sono perso".
Ho avuto un'esperienza di pre-morte circa 6 giorni prima della prima volta che ho preso la ketamina perché la mia compagna di allora è morta. Aveva dato una festa a casa sua e l'appartamento aveva preso fuoco. Sono uscito dall'appartamento e ho pensato che anche lei fosse fuori, ma era molto ubriaca, era scivolata e caduta e aveva spinto la porta della stanza. Sono uscito e ho gridato "Cristo, non è qui!" e sono risalito. L'appartamento era pieno di fumo denso. Ho pensato: "Bene, quello che devi fare è metterti a terra e strisciare lungo il corridoio". Ma non c'era aria. Strisciai e non riuscii a vedere nulla. La sentivo e cercavo di aprire la porta, ma non ci riuscivo. Sono stato sopraffatto dal fumo, e clunk! Poi c'è stata una luce bianca e tutto è andato molto veloce. Tutti questi suoni e cose che sembravano lontane e molto vicine e lontane, poi whoosh! Sei uscito dal tuo corpo e c'era tutta questa luce. Tutto questo sembra davvero schifoso, come uno di quei film del Vecchio Testamento degli anni '40... È successo tutto così velocemente. Il momento successivo è molto luminoso, sei fuori dal tuo corpo, voli nella notte e c'è luce, c'è luce. Ehm, beh, è buio pesto e c'è la luce - è un modo migliore per descriverlo. Si entra nella luce e si sente che tutti coloro che sono morti sono lì. Non si tratta di cori celestiali, ma di sicuro c'è molta gente intorno a te e senti ondate di preoccupazione. E poi c'è stato un "swoosh"! E si è tornati al mondo di tutti i giorni molto rapidamente. Quando sono tornata è stato tutto così brusco, e in realtà stavo bene... ho avuto una fuga molto breve. La prima impressione è che si voli in aria, ma non è così. Dieci anni fa avrei riso di me stesso per aver detto una cosa del genere... Così ho avuto un'esperienza extracorporea e poi sono stato trascinato fuori dall'appartamento dai ragazzi dell'ambulanza che mi hanno messo una maschera d'ossigeno sul viso. Il mio compagno è stato attaccato a una macchina di supporto vitale dal sabato al lunedì, quando l'hanno spenta. Avevo acquistato il K una settimana prima per la festa, ma l'ho fatto solo pochi giorni dopo la sua morte. Era la prima volta che prendevo la K. Avevo l'appartamento tutto per me. Tutti erano fuori e io mi sedetti in salotto su una grande sedia comoda e presi questa roba. Nel giro di 5 minuti ero fuori dal mio corpo. Ero ancora intontita dopo quello che era successo. Era come essere fuori di me, ma ancora lì. Potevo sentire il profumo che lei usava. Potevo sentirla intorno a me. Era come una via d'uscita ed era esattamente come la cosa fuori dal corpo. È stato molto sconvolgente e ha scosso il mio ateismo, davvero molto. Mi ha fatto capire che non è la fine quando tutto questo finisce. Ho riprovato K un bel po' di volte e ogni volta è successa la stessa cosa. Era come una pura coscienza. Non avevo alcuna forma. Si poteva volare e si poteva viaggiare, anche se si era ancora nello stesso posto. Siete nel luogo in cui si trovano tutti coloro che sono morti. È una grande entità. Non è come un vecchio con la barba. È questo senso di energia che tutti coloro che sono andati avanti sono lì insieme ed era come se lei si prendesse cura di me. Con la K è successa esattamente la stessa cosa che è successa nell'appartamento (in fiamme), cosa che per qualcuno che non se l'aspettava sarebbe stata piuttosto spaventosa. È stato esattamente lo stesso. Ho pensato che non avrei più trovato nessuno e perché non ero morta anch'io, perché non ero riuscita a portarla via da quella stanza? Pensavo che fosse colpa mia, mi incolpavo da sempre. Avevo una mezza idea di prendere un sacco di pillole e non svegliarmi, ma a che scopo? Ero già stato in quel posto una volta e non mi hanno voluto, quindi perché dovrebbero volermi la seconda volta? Amici e genitori preoccupati mi hanno spinto ad andare in terapia e a consultare degli psichiatri. Mi sono stati somministrati vari farmaci, come il Prozac, ma ho scoperto che il mio "trattamento extra" (la ketamina) mi faceva molto più bene, perché la ketamina è molto catartica. Lo facevo perché mi faceva sentire meglio, tranne la prima volta, quando è stato uno shock. Mi faceva sentire molto meno infelice sapendo che lei era ancora lì, in un modo o nell'altro. Mi ci sarebbe voluto molto più tempo per riprendermi se non avessi preso K, perché elimina immediatamente molte ferite... In un certo senso è molto rassicurante.
Alla fine della prima volta che l'ho presa ero assolutamente distrutta e piangevo e molto turbata, ma in un altro modo non lo ero. Anche se non vedrai più quella persona, hai l'impressione che da qualche parte, lungo il percorso, ci riuscirai, ed è molto rincuorante. Se non avessi preso K, il processo di recupero sarebbe stato molto più lungo. Credo che mi abbia fatto molto bene.
Ogni volta era quasi esattamente lo stesso e sto parlando di 25 volte di utilizzo di K. Poi è cambiato. È diventato meno introspettivo. Mi erano stati prescritti tutti gli antidepressivi e i tranquillanti, ma per la maggior parte del tempo non utilizzavo i farmaci che mi venivano somministrati, perché non lo si fa se si sta cercando lavoro. Non è il caso di farsi prendere dai tranquillanti. Una volta che ci si rende conto che la cosa sta diminuendo, si pensa: "Bene, ok, è ora di andare avanti...". Molte persone direbbero che è perché mi stavo abituando all'effetto del farmaco. Ho fatto un tentativo di tornare a quella prima situazione prendendo molta più K di quanto avessi fatto in precedenza, ma lei era ancora lontana come lo era stata. Potrebbe trattarsi di un meccanismo di autodifesa mentale, una sorta di "non ne hai più bisogno".
Per me è stata un'esperienza molto illuminante, il fatto che si vada nello stesso posto (durante un'esperienza con la ketamina e durante una NDE spontanea) e che accadano le stesse cose. Deve avere un significato. Prima di allora ero un ateo convinto, ma in questi giorni non lo sono più... Non credo che sia una di quelle cose ricreative, ma di sicuro ti aiuta a superare lo stress e tutti i problemi e le seccature, e sono davvero contento di averla trovata quando l'ho trovata, perché credo che sia stata davvero una manna dal cielo.
Cosa aveva sentito dire sulla ketamina prima di assumerla?
Avevo sentito dire che era come un incrocio tra LSD ed ecstasy. La gente diceva: "È fantastico". L'ho presa per tirarmi su, ma non ha funzionato come mi aspettavo. Ha preso ogni sorta di svolta misteriosa. È sicuramente la cosa più interessante che ho fatto, probabilmente a causa della vicinanza di una grave situazione di pre-morte e poi della stessa cosa ma senza il fumo e le fiamme, il che è stato subito piuttosto spaventoso: "Oh Gesù, eccomi di nuovo qui, non c'è nessun altro, morirò questa volta?". Ma non appena l'ho pensato, ho avuto questa sensazione intorno a me e ho pensato: "No, è tutto a posto, seguiamolo e vediamo cosa succede". Perché credo che la cosa peggiore sarebbe stata spaventarsi o farsi prendere dal panico, perché non avrei potuto fare nulla. Ero seduto sulla sedia e non potevo muovermi.
Come si è sentito dopo?
Dopo la prima [esperienza con la ketamina] ero assolutamente svuotato. Non riuscivo a camminare bene ed ero molto stanco. Poi è stato il primo sonno che ho fatto dopo l'incendio. Mi ubriacavo molto per dormire e ovviamente non dormivo bene, e prendevo varie cose per addormentarmi. Non mi piace farlo. Dopo il K, per la prima volta dopo circa 7 giorni, sono riuscita a dormire da sola. Quando dormivo, la sognavo molto chiaramente. Era quasi come prendere di nuovo la K nel sogno.
Pensa che questo l'abbia incoraggiata a riprenderla, che abbia avuto la sensazione che lei fosse lì?
No. È stato molto sconvolgente perché hai avuto l'idea che l'intera faccenda (la vera morte) fosse stata un sogno e che lei fosse ancora lì e che sarebbe andato tutto bene, ma ovviamente non è stato affatto così. Penso che una volta che ci si rende conto che non tornerà, allora è più facile. È stato come andare da un consulente o da uno psichiatra per una seduta di un'ora molto intensa, ma almeno non devi parlare. Ti siedi dentro la tua testa e ci lavori sopra senza dover raccontare tutto a un perfetto estraneo. A quel punto non mi sentivo pronto a parlarne con uno psichiatra. Mi dicevano: "Premi, premi, devi parlarne, devi parlarne". Alla fine ho iniziato a parlarne dopo aver preso K un paio di volte e mi sono sentita un po' più a mio agio. Non ho mai detto allo psichiatra che stavo prendendo K o cosa stava succedendo. Mi chiese: "Stai prendendo i tuoi antidepressivi?". "Oh sì, sto prendendo i miei antidepressivi", e tutto il resto; ma, come ripeto, K ha certamente reso più facile parlare. Probabilmente ha reso il lavoro dello psichiatra molto più facile. Altrimenti andrei ancora in terapia, sarei un po' nevrotico e andrei in giro ad assillarlo per avere più Prozac e più tranquillanti di cui non ho davvero bisogno.
Avete sentito di qualcun altro che ha avuto un'esperienza simile?
In realtà l'ho fatto. Non ne conosco i dettagli, ma conosco qualcuno che ha usato molto la K, ma ha anche avuto una specie di esperienza di pre-morte separata da quella. Hanno osservato quanto siano simili le due cose piuttosto che altro.
E prima di provarlo per la prima volta?
No, non ne sapevo assolutamente nulla. Tutto quello che ho scoperto deriva da quel periodo. Dopo l'incendio, quell'esperienza ha cambiato la mia visione della vita. L'ha cambiata completamente. L'assunzione di K l'ha cambiata di nuovo. Considero il K come una sorta di stimolatore spirituale. È bello ogni tanto essere collegati a cose che non si vedono. Penso che ci sia molto di più di quello che si vede. Questa è una cosa che è emersa e che penso sia estremamente salutare. Penso anche che se non avessi usato il K probabilmente sarei andato fuori di testa con l'alcol e altre cose, ma il fatto è che ho usato il K, ed è stata come una catarsi. A breve termine ha causato molto dolore e sofferenza, ma a lungo termine mi ha probabilmente risparmiato un sacco di dolore. Senza di essa sarei probabilmente un disastro e non lavorerei, probabilmente in prigione o in ospedale o qualcosa del genere. Il tuo dolore effettivo non è infinito e ogni volta che prendi K c'è questo sfogo che diventa sempre meno. Mi piacerebbe pensare che non sia qualcosa nel tuo cervello a farlo. Non sono ancora convinta al 100%. Adesso riesco a sopportare quell'odore (il profumo di S.). Prima, se in coda a un negozio c'era qualcuno che aveva quell'odore, dovevo andarmene. Più usavo il K, più riuscivo a sopportare questo tipo di cose. Dopo un po' si è calmato.
Quando l'ha scattata la prima volta, c'erano dei suoi cimeli nella stanza?
Niente. Era notte, avevo le tende tirate. Avevo una lampada accesa, molto fioca in un angolo. Non c'era musica, solo io e i miei pensieri. Credo che fosse il modo giusto per farlo, perché non c'erano distrazioni. In ogni caso, non c'era bisogno di nulla di tutto ciò. C'era tutto, insomma, c'era tutto.
Lo consiglierebbe a chi ha avuto la morte di una persona cara?
Non consiglierei a nessuno di fare come ho fatto io. L'ho accettato solo perché sono stato ingannato sulle proprietà. Non era quello che mi aspettavo e sarebbe potuto andare tutto terribilmente male. Ma direi certamente che dovrebbe essere possibile per qualcuno come uno psichiatra usarla per la terapia, perché dura solo per circa 45 minuti o un'ora. L'MDMA è stata usata in America per le cose tra moglie e marito. Va bene per quello, ma l'MDMA non è adatta a questo tipo di cose e le altre cose, come l'LSD, sono troppo imprevedibili, durano troppo a lungo e le cose possono andare male, mentre con questa si va su e giù in 45 minuti. Ma bisogna abituarsi. Perché non hai idea di come ti travolga completamente. Quella volta che l'ho presa, si presentava in una specie di linea di polvere bianca, ho preso un ottavo di grammo e l'ho sniffata e nel giro di mezzo minuto: "Wow!". E continuava a diventare sempre più pesante, fino a 5 minuti, quando è iniziata la fase completa e ho pensato: "Oh, merda, ho fatto la cosa giusta?". E ho pensato: "Oh Dio! Forse non avrei dovuto accettarlo perché non è così che doveva essere". Non sapendo che era così che doveva andare. Quando ho preso K all'inizio ho pensato: "Oh Dio, non è affatto quello che mi aspettavo. Ho avuto un'overdose? Ho fatto questo o quello?". Ma fortunatamente pensavo anche: "Beh, non mi interessa, non mi interessa proprio cosa mi succederà". Ma tutto è andato per il meglio. Di certo mi ha fatto uscire da me stesso. Mi sentivo così dispiaciuto per me stesso. Mi ci stavo crogiolando. Tutti i miei amici mi dicevano: "Per l'amor di Dio, riprenditi, è passato un mese". Almeno ho scelto di farlo piuttosto che bere ogni giorno un sacco di whisky da quattro soldi fino a morire. Quella era l'altra opzione. K andò dritto al nocciolo della questione... l'unica cosa che tagliò fuori tutte le stronzate. Penso che sarei andato da un terapeuta per anni per la stessa cosa, e non sono a buon mercato. Forse è qualcosa che può essere usato per risolvere i problemi emotivi, in piccole quantità. Mi ha anche reso più ottimista rispetto a prima... Le esperienze psichedeliche hanno un significato? Penso di sì, ma potrei sbagliarmi completamente. Potrebbe essere solo un trucco della chimica del cervello. Anche se fosse, mi ha aiutato a superare quella che pensavo fosse la fine della mia vita. Pensavo: "È finita, tutto è finito", e poi c'era questa entità con me che diceva: "Non essere così stupido". Non so se sia sempre intorno a noi e non la vedi, o se sia veramente da qualche altra parte. (Grazie ai miei colleghi P. Delgarno, S. Cahill e D. Shewan).
Esistono anche resoconti di viaggi con la ketamina in cui "l'entità" si personifica sotto forma di una figura religiosa come Cristo, una caratteristica che Moody credeva fosse riferita solo da chi aveva avuto "vere" esperienze di pre-morte. Coloro che negano che una NDE possa essere indotta sostengono che le persone che hanno avuto una NDE spesso insistono sulla realtà dell'esperienza. Tuttavia, coloro che hanno sperimentato la ketamina sono spesso altrettanto insistenti sul fatto di non aver sognato o di non essere stati indotti a sognare.
allucinazioni, ma che gli eventi sono realmente accaduti. Il fatto che le esperienze di pre-morte possano essere indotte artificialmente non implica che le NDE che si verificano spontaneamente siano in qualche modo "irreali". È stato suggerito che entrambe possano comportare una "risintonizzazione" del cervello per consentire l'esperienza di una realtà diversa dal mondo quotidiano.
Alcune persone che hanno avuto una NDE durante un'emergenza hanno descritto dettagliatamente la loro rianimazione. Anche molti pazienti chirurgici hanno riferito in dettaglio ciò che è stato detto e fatto durante l'operazione, anche se sembravano essere incoscienti durante l'operazione stessa. In un rapporto, il 76% delle persone a cui è stata somministrata la ketamina in uno studio anestetico ha ricordato conversazioni specifiche e circa lo stesso numero ha saputo la durata dell'operazione. Il farmaco a volte aumenta la risposta
al suono nel cervello superiore, piuttosto che bloccarlo.
ho tradotto l'intero testo ma penso vada contro le regole del forum condividerlo per intero, è corretto?

nde99
*-nde99-*


Rispondi