Coltivazione Lophophora williamsii (peyote)

Il meglio delle discussioni di coltivazione
Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2368
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da asklepios » mar lug 14, 2020 11:11 am

Quasi sicuramente la pianta che hai ordinato proviene da un innesto e quindi non ha avuto tempo di produrre le sostanze. Ci vorrà almeno un paio d'anni, non è un processo affatto veloce. Se il tuo scopo è unicamente il consumo, il San Pedro è molto più adatto, in quanto già in un anno o due dal seme puoi ottenere una pianta sufficientemente grande da poter essere consumata.


Baruch
Messaggi: 24
Iscritto il: dom giu 07, 2020 12:58 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Baruch » mar lug 14, 2020 3:01 pm

Non ho idea se sia un innesto, ma ne dubito, perché nel sito in questione c'è proprio una sezione apposita sugli innesti. Questo credo sia un bottone.

Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2368
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da asklepios » mar lug 14, 2020 3:58 pm

Te ne rendi facilmente conto quando ti arriva. Se presenta una base orizzontale è stata tagliata o da una pianta che ha fatto i figli ma più probabilmente da un innesto. I peyote sono cactus che crescono molto lentamente, ma è possibile innestare i cactus appena nati dal seme su un cactus che cresce più velocemente. Così facendo un cactus che magari avrebbe impiegato più di cinque anni a crescere lo ottieni in un anno. Lo svantaggio è che per quanto possa essere grande, è "vuoto" di principi attivi, ma capisci che è una tattica redditizia per vendere a chi non conosce questi dettagli. Non dico che sia un fregatura, perché nessuno che ti vende peyote li vende esplicitamente per il consumo, ma comunque è quello che è. Se il peyote proviene da un innesto, produrrà comunque più in fretta di un peyote cresciuto con le proprie radici, ma ci vorranno comunque un paio d'anni.

Baruch
Messaggi: 24
Iscritto il: dom giu 07, 2020 12:58 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Baruch » mar lug 14, 2020 4:06 pm

Va bene, ho afferrato. Quando mi arriva me ne renderò conto. Comunque grazie per le dritte!

Avatar utente
Sonoio
Messaggi: 1347
Iscritto il: gio lug 27, 2017 1:35 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Sonoio » mar lug 14, 2020 4:12 pm

asklepios ha scritto:
mar lug 14, 2020 11:11 am
... il San Pedro è molto più adatto ...
Affermato !
Tanti anni fa ho avuto il Peyote ma non produceva mai sostanza sufficiente per un trip.
Poi ho tentato il San Pedro e da allora coltivo ed uso solo quello.
Saluti
Sheriff John Brown always hated me; for what I don't know; anytime I plant a seed, he said kill it before it grows; I shot the sherriff ... - Bob Marley
Tutto quello che vi racconto è già passato da almeno dieci anni.

Baruch
Messaggi: 24
Iscritto il: dom giu 07, 2020 12:58 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Baruch » mar lug 14, 2020 7:47 pm

Grazie ragazzi. Ho scritto al sito tentando di farmi cambiare il peyote col San Pedro. Vi ringrazio

Avatar utente
Time
Messaggi: 369
Iscritto il: mer apr 05, 2017 8:03 am

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Time » sab lug 25, 2020 4:43 am

@asklepios, in merito alla potenza di un cactus innestato, in giro si leggono pareri discordanti. Hai qualche dato a supporto? Magari qualcuno su dmt-nexus che ha fatto qualche analisi?

Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2368
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da asklepios » sab lug 25, 2020 11:51 am

Purtroppo no, quello che sapevo l'ho scritto. Ho comprato i cactus Pereskiopsis (portainnesto) ma ancora non ho avuto il tempo

Avatar utente
Time
Messaggi: 369
Iscritto il: mer apr 05, 2017 8:03 am

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da Time » sab lug 25, 2020 6:33 pm

Ok, ma quello che sai lo hai appreso per esperienza o da fonte fidata, o lo hai letto in giro? dmt-nexus è pieno di informazioni un po' incasinate, ma non ho trovato analisi a riguardo.
Io penso che un'innesto non influisca poi così tanto sui processi metabolici, ma la mia è una supposizione da ignorante.
Nessuna polemica, solo spirito scientifico.

Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2368
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da asklepios » sab lug 25, 2020 10:32 pm

Letto in giro più che altro da fonti aneddotiche. Su r/druggardening ci sono tante persone che lo coltivano, ed è opinione comune. Penso ci sia qualche fondo di verità. In ogni caso l'alternativa, se non si innesta, è aspettare dieci anni da seme per poter consumare (o giù di lì), quindi vale sicuramente la pena di provare a consumarlo se si ha fretta e vedere. Su una cosa non c'è dubbio comunque, che con il san pedro vai sul sicuro

Avatar utente
GarLaguz
Messaggi: 137
Iscritto il: gio mag 07, 2020 3:22 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da GarLaguz » dom lug 26, 2020 7:18 pm

Baruch ha scritto:
mar lug 14, 2020 7:47 pm
Grazie ragazzi. Ho scritto al sito tentando di farmi cambiare il peyote col San Pedro. Vi ringrazio
Meglio. Se il tuo obbiettivo è la mescalina e i trip di, ti consiglio anche Echinopsis Peruviana e Trichocereus Bridgesii o Torcia Peruviana e Torcia Boliviana, tutti decisamente più economici del Peyote. Io ho tutti e tre ma non riesco a consumarli, tra l'altro il San Pedro e la Torcia Boliviana un esemplare crestato ed uno mostruoso "deformità" che li rendono unici nel loro aspetto. Pure il comunissimo Saguaro Argentino (Trichocereus Terscheckii tutti potrai trovarli come Trichocereus o Echinopsis, sono sinonimi) contiene mescalina e cresce molto in fretta ma non ho mai provato né ad assumerlo né a coltivarlo per cui parlo in teoria
Non perdere tempo ad essere un uomo mediocre quando puoi essere una scimmia eccezionale

Avatar utente
GarLaguz
Messaggi: 137
Iscritto il: gio mag 07, 2020 3:22 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da GarLaguz » dom lug 26, 2020 7:29 pm

asklepios ha scritto:
sab lug 25, 2020 11:51 am
Purtroppo no, quello che sapevo l'ho scritto. Ho comprato i cactus Pereskiopsis (portainnesto) ma ancora non ho avuto il tempo
Online si trovano diversi Peyote innestati su San Pedro, che ne pensi?
Non perdere tempo ad essere un uomo mediocre quando puoi essere una scimmia eccezionale

Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2368
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da asklepios » dom lug 26, 2020 7:42 pm

Il San Pedro cresce abbastanza velocemente, è un buon portainnesto per il Peyote. Non penso ci sia un aumento della produzione nonostante anche il San Pedro sia mescalinico, ma è solo supposizione. Generamente si innestano i germogli su pereskiopsis (gia a pochi millimetri di diametro), e quando il peyote diventa troppo grande per il Pereskiopsis si trasferisce su un portainnesto più grande come san pedro o mirtillocactus. Io comunque non penso consumerei il peyote, se non magari una volta nella vita per provare. È un cactus ormai raro e una specie protetta, anche se l'ho coltivato io mi dispiacerebbe.

Avatar utente
GarLaguz
Messaggi: 137
Iscritto il: gio mag 07, 2020 3:22 pm

Re: Coltivazione peyote

Messaggio da GarLaguz » lun lug 27, 2020 8:20 am

asklepios ha scritto:
dom lug 26, 2020 7:42 pm
Il San Pedro cresce abbastanza velocemente, è un buon portainnesto per il Peyote. Non penso ci sia un aumento della produzione nonostante anche il San Pedro sia mescalinico, ma è solo supposizione. Generamente si innestano i germogli su pereskiopsis (gia a pochi millimetri di diametro), e quando il peyote diventa troppo grande per il Pereskiopsis si trasferisce su un portainnesto più grande come san pedro o mirtillocactus. Io comunque non penso consumerei il peyote, se non magari una volta nella vita per provare. È un cactus ormai raro e una specie protetta, anche se l'ho coltivato io mi dispiacerebbe.
Il saguaro argentino cresce più di tutti ed è un produttore di mescalina. Io forse userei la Torcia Peruviana
Non perdere tempo ad essere un uomo mediocre quando puoi essere una scimmia eccezionale

Avatar utente
astraldream
Messaggi: 1387
Iscritto il: gio set 17, 2015 11:16 pm

Re: Coltivazione Lophophora williamsii (peyote)

Messaggio da astraldream » sab mag 15, 2021 2:35 am

Secondo me se si vuole un Trip di mescalina meglio usare i San Pedro o mescalica hcl, innestare lophophore con lo scopo di consumarle è praticamente inutile, innestandole su piante che non contengono mescalina non ne produrrebbe nemmeno la lophophora e innestando su piante contenenti mescalina (come trichocereus) avresti si peyote contenenti mescalina ma avrebbero lo stesso spettro (o molto simile) del portainnesto, perdendo tutti gli altri alcaloidi contenuti nei williamsi...e sono quelli a rendere interessante l'esperienza con il peyote.
L'idea di "sacro" è così limitante...così poco libera da dogmi...da essere poco sacra...la cosa più sacra dovrebbe essere la libertà non i dogmi...

Rispondi