Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Estrazioni più o meno grezze di principi attivi
fedro
Messaggi: 7
Iscritto il: dom dic 06, 2020 1:24 pm

Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da fedro » mar dic 15, 2020 9:01 am

Ciao, volevo chiedervi qualche accortezza sull'estrazione del "simil oppio" dalla pianta, come si può fare, tagliare lo stelo o praticare dei tagli? E per essiccare? Alta temperatura o temperatura ambiente?
Non intendo consumare questa roba ma nel caso qualcuno volesse provare, qualche rischio sulla dose o sulla qualità della sostanza?
E la modalità di assunzione? Fumarla va bene?
Grazie anticipate delle risposte :D


Palmiro_Scendoilcane
Messaggi: 6
Iscritto il: ven giu 15, 2018 2:41 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da Palmiro_Scendoilcane » sab mag 08, 2021 6:44 pm

Ti conviene tagliare piccole porzioni di pianta dalla cima fino a radice e raccogliere il latte di taglio in taglio. Fai asciugare lontano dai raggi solari (un essiccatore aiuta molto per velocizzare questo passaggio).
Se cerchi un modo più veloce fai una riduzione di tintura al 90% di volume alcolico.
Per i modi di somministrazione fumarla non è molto comodo inoltre non riuscirai mai a separare le gomme che fanno malissimo. Io lo mangio. Le dosi sono mediamente alte.

Avatar utente
VisioneCurativa
Sponsor
Messaggi: 234
Iscritto il: mer gen 24, 2018 10:20 am

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da VisioneCurativa » dom mag 09, 2021 11:42 am

Per abbassare i dosaggi si può masticare fino all'assunzione sublinguale, la consistenza gommosa lo rende l'ideale.
Ovviamente l'effetto dura di meno rispetto all'ingestione anche se è più intenso a parità di dose.

Per essiccare estratto o lattice conviene usare basse temperature, anche meglio un disidratatore alimentare a freddo.
Il calore pregiudica pesantemente la potenza del prodotto finale.
Questo post riguarda nozioni teoriche riservate solo ad educazione ed intrattenimento, non vuole incoraggiare nessuna attività pericolosa o illegale.
I nostri articoli non vanno assunti in nessun modo https://www.visionecurativa.it/termini-e-condizioni/

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » mar mag 11, 2021 10:59 pm

Palmiro_Scendoilcane ha scritto:
sab mag 08, 2021 6:44 pm
... non riuscirai mai a separare le gomme che fanno malissimo...
Forse estraendo con acido nitrico si potrebbe distruggere le gomme.
Non ho tempo.

Palmiro_Scendoilcane
Messaggi: 6
Iscritto il: ven giu 15, 2018 2:41 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da Palmiro_Scendoilcane » mer mag 12, 2021 7:13 am

era ha scritto:
mar mag 11, 2021 10:59 pm
Forse estraendo con acido nitrico si potrebbe distruggere le gomme.
In teoria una cromatografia risolverebbe tanti pensieri. Ma è un po' fantascienza.

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » mer mag 12, 2021 8:06 am

Palmiro_Scendoilcane ha scritto:
mer mag 12, 2021 7:13 am
In teoria una cromatografia risolverebbe tanti pensieri. Ma è un po' fantascienza.
Poterla avere a disposizione...
...diversamente vedo che il nitrico si presta a estrarre da piante contenenti grassi (che trattengono parte degli alcaloidi) e per quanto ho potuto constatare, distrugge i legami delle gomme.
Certo che bisogna poi freebasare...
Non ho tempo.

Palmiro_Scendoilcane
Messaggi: 6
Iscritto il: ven giu 15, 2018 2:41 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da Palmiro_Scendoilcane » dom mag 16, 2021 9:17 pm

era ha scritto:
mer mag 12, 2021 8:06 am
Palmiro_Scendoilcane ha scritto:
mer mag 12, 2021 7:13 am
In teoria una cromatografia risolverebbe tanti pensieri. Ma è un po' fantascienza.
Poterla avere a disposizione...
...diversamente vedo che il nitrico si presta a estrarre da piante contenenti grassi (che trattengono parte degli alcaloidi) e per quanto ho potuto constatare, distrugge i legami delle gomme.
Certo che bisogna poi freebasare...
Ma in questo caso non bisogna estrarre alcaloidi.. 🤷

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » lun mag 17, 2021 8:57 pm

Palmiro_Scendoilcane ha scritto:
dom mag 16, 2021 9:17 pm

Ma in questo caso non bisogna estrarre alcaloidi.. 🤷
Per la cromatografia no, certo.
Non ho tempo.

aro_nne 88
Messaggi: 11
Iscritto il: mer apr 21, 2021 11:30 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da aro_nne 88 » mar mag 18, 2021 10:53 pm

ciao io credo di avere parecchie piante di virosa o serriola ma cosa cambia??
[media][/media]

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » mar mag 18, 2021 11:59 pm

aro_nne 88 ha scritto:
mar mag 18, 2021 10:53 pm
ciao io credo di avere parecchie piante di virosa o serriola ma cosa cambia??
La serriola sembrerebbe più blanda, anche se effettivamente queste piante hanno valori differenti in base al luogo di crescita.
Non ho tempo.

aro_nne 88
Messaggi: 11
Iscritto il: mer apr 21, 2021 11:30 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da aro_nne 88 » mer mag 19, 2021 11:41 pm

e come faccio a riconoscerla perche non riesco a allegare le foto.

io ho questa praticamente

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » gio mag 20, 2021 10:05 am

aro_nne 88 ha scritto:
mer mag 19, 2021 11:41 pm
e come faccio a riconoscerla perche non riesco a allegare le foto.
Prova a scaricare uno di quei programmi per riconoscere le piante.
Non ho tempo.

aro_nne 88
Messaggi: 11
Iscritto il: mer apr 21, 2021 11:30 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da aro_nne 88 » gio mag 20, 2021 4:04 pm

era ha scritto:
gio mag 20, 2021 10:05 am
aro_nne 88 ha scritto:
mer mag 19, 2021 11:41 pm
e come faccio a riconoscerla perche non riesco a allegare le foto.
Prova a scaricare uno di quei programmi per riconoscere le piante.
ho controllato e praticamente tagliavo solo la serriola scartando la virosa...il procedimento è lo stesso? sto andando adesso a vedere quante piante ci sono.
ma per l'estrazzione so che è un argomento gia trattato ma non riesco a capire il migliore.
ho fatto ieri un macerato di serriola da 500g e 1 L di alcool e adesso aspetto a vedere come viene mentre x via di estrazzione tipo oppio mi sono venuti fuori quasi 3g. io non fumo niente ma il prodotto finale ho letto che si puo mangiare o bere diluito in acqua bollente?
è giusto o sbaglio qualcosa?

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » gio mag 20, 2021 5:26 pm

aro_nne 88 ha scritto:
gio mag 20, 2021 4:04 pm
ho fatto ieri un macerato di serriola da 500g e 1 L di alcool e adesso aspetto a vedere come viene mentre x via di estrazzione tipo oppio mi sono venuti fuori quasi 3g. io non fumo niente ma il prodotto finale ho letto che si puo mangiare o bere diluito in acqua bollente?
è giusto o sbaglio qualcosa?
Il sistema più 'semplice' sarebbe raccogliere il latice direttamente dalla pianta. È un lavoro lungo ma si raccoglie solo latice.
Un altro sistema sta nel raccogliere tutta la pianta senza fare incisioni (non deve perdere latice), metterla in una pentola contenente acqua e tritare la pianta. Il succo verde ottenuto se scaldato a 80-90°C fa coagulare le parti verdi lasciando un liquido giallo-marrone. Il liquido va raccolto e lasciato essiccare in maniera forzata (80-90°C) oppure si potrebbe estrarre con solventi e basi.
Personalmente ho fumato il latice raccolto ma non ha fatto niente. Tuttavia a leggere viene voglia di riprovare a farne una buona quantità per provare a fumare per un periodo. Bisognerebbe però arrivare ad una buona raffinazione poiché l'odore dei saccaridi e delle gomme influenzano sicuramente la qualità del prodotto.
Non ho tempo.

aro_nne 88
Messaggi: 11
Iscritto il: mer apr 21, 2021 11:30 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da aro_nne 88 » gio mag 20, 2021 10:26 pm

e per fare una buona raffinazione come devo procedere passo passo? da cosa dipende?

Avatar utente
era
Messaggi: 1506
Iscritto il: gio feb 15, 2018 7:51 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da era » gio mag 20, 2021 11:01 pm

aro_nne 88 ha scritto:
gio mag 20, 2021 10:26 pm
e per fare una buona raffinazione come devo procedere passo passo? da cosa dipende?
Bisognerà appena sperimentare ;)

Oggi ho raccolto 4 lattughe alte un po' più di mezzo metro. Ho tagliato la pianta a pezzettini facendoli cadere in acqua.
Dopo 15 min ho filtrato e messo ad essiccare.
Buon sapore ma niente effetti...

Per allontanare zuccheri e gomme si potrebbe provare a ottenere il residuo secco come spiegato sopra.
Successivamente si tratterebbe con acqua e acido nitrico per mantenere gli alcaloidi.
Quindi l'estratto + nitrico lavati con oli o solventi. Si allontanerebbero così molte sostanze disecondaria importanza e forse si disgregherebbe le gomme.
Ottenuto ciò si basificherebbe e si estrarrebbe con solvente.

Teoricamente così le fenetilamine (non sempre presenti) e altri alcaloidi risulterebbero più puri.

Quel che mi chiedo è se la lactuca contiene imao... ...l'odore del latice è simile a quello del rosolaccio che ne è una fonte.
Per il resto la similitudine olfattiva tra i due latici porterebbe a pensare che anche la lactuca contenga alcaloidi simili alla narcotina e alla papaverina.


Lattuga selvatica

Lactuca virosa L.

Costituenti primari

i. Lattoni sesquiterpenici: lattucopicrina.
ii. Lattucerina (o lattucerone, una miscela di acetati dell'alfa e beta lattucerolo e terpeni correlati)
iii. Flavonoidi: soprattutto basati sulla quercitina.
iv. Cumarini: cicoriina ed esculina.
v. N-metil-b-fenetilammina (presenza suggerita ma non confermata).
vi. Iosciamina riscontrata nei primi del '900 nella pianta fresca ma non nella pianta secca o nel lattice secco..
Non ho tempo.

T4nt4 R0b4
Messaggi: 18
Iscritto il: ven mag 28, 2021 7:31 am

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da T4nt4 R0b4 » sab mag 29, 2021 11:48 pm

Palmiro_Scendoilcane ha scritto:
mer mag 12, 2021 7:13 am
era ha scritto:
mar mag 11, 2021 10:59 pm
Forse estraendo con acido nitrico si potrebbe distruggere le gomme.
In teoria una cromatografia risolverebbe tanti pensieri. Ma è un po' fantascienza.
Io potrei mettere le mani su un gascromatografo con attaccato un tecnico di lab che lo sa usare 😊… dovrei controllare il contenuto del latte appena raccolto giusto?

Avatar utente
asklepios
Messaggi: 2029
Iscritto il: mer gen 01, 2020 7:56 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da asklepios » dom mag 30, 2021 12:16 am

La gas cromatografia è più per analisi che per estrazione vera e propria, non lavori su volumi particolarmente grandi, anche nell'uso preparativo si lavora sempre su piccoli volumi. @era ti ha indicato l'approccio forse più indicato per un'estrazione efficace e realizzabile. Poi oddio, se al termine dell'estrazione hai la possibilità di analizzare il tuo estratto con gas cromatografia, male sicuramente non fa, puoi vedere cosa c'è effettivamente dentro (magari si scopre che la pianta è cresciuta su campi contaminati da fanghi tossici, come si è sentito di recente)

T4nt4 R0b4
Messaggi: 18
Iscritto il: ven mag 28, 2021 7:31 am

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da T4nt4 R0b4 » dom mag 30, 2021 12:43 am

asklepios ha scritto:
dom mag 30, 2021 12:16 am
La gas cromatografia è più per analisi che per estrazione vera e propria, non lavori su volumi particolarmente grandi, anche nell'uso preparativo si lavora sempre su piccoli volumi. @era ti ha indicato l'approccio forse più indicato per un'estrazione efficace e realizzabile. Poi oddio, se al termine dell'estrazione hai la possibilità di analizzare il tuo estratto con gas cromatografia, male sicuramente non fa, puoi vedere cosa c'è effettivamente dentro (magari si scopre che la pianta è cresciuta su campi contaminati da fanghi tossici, come si è sentito di recente)
😅….Scusate avevo capito che si parlava di analizzare col cromatografo per capire meglio cosa c’era nel latte e trovare il miglio metodo per eliminare le gomme

Avatar utente
Tirar Puede Matar
Messaggi: 613
Iscritto il: mer mar 28, 2018 3:22 pm

Re: Estrazione del principio attivo dalla lactuga virosa

Messaggio da Tirar Puede Matar » dom mag 30, 2021 4:33 am

asklepios ha scritto:
dom mag 30, 2021 12:16 am
La gas cromatografia è più per analisi che per estrazione vera e propria, non lavori su volumi particolarmente grandi, anche nell'uso preparativo si lavora sempre su piccoli volumi. @era ti ha indicato l'approccio forse più indicato per un'estrazione efficace e realizzabile. Poi oddio, se al termine dell'estrazione hai la possibilità di analizzare il tuo estratto con gas cromatografia, male sicuramente non fa, puoi vedere cosa c'è effettivamente dentro (magari si scopre che la pianta è cresciuta su campi contaminati da fanghi tossici, come si è sentito di recente)
Al di la si, di averla un apparecchiatura del genere 😁, non credo però che rilevi contaminazioni tossiche, ma serva piu che altro a definire la quantità di principio attivo ed eventuali altri materiali o alcaloidi presenti. Mi diceva un conoscente che lavora con un gas cromatografo abbinato a spettrografia di massa, che ad esempio contaminazioni da metalli pesanti non le rilevano.. poi non ho sufficienti conoscenze per poterlo affermare, vado solo per sentito dire..
Non amavo quello che mostravi di essere, ma quello che pensavo tu fossi...

Rispondi